Banner RWN
Banner RWN
Banner RWN
Banner RWN

A ROMA IL MEGLIO DELL’OFTALMOLOGIA ITALIANA POLICLINICO GEMELLI 10-12 MARZO

Oltre milleduecento tra oftalmologi e specialisti, più di 130 relatori e 72 ore tra ricerca, formazione e innovazione. Eccole alcune delle componenti principali del XIX Congresso dell’Aiccer, in programma al Policlinico Gemelli di Roma dal 10 al 12 marzo. Lo spazio del Gemelli sempre nelle stesse date ospiterà anche una sessione per gli infermieri, per i giovani chirurghi e una per gli Ortottisti, che permetteranno di trasformare lo spazio in un agorà di cultura medica senza precedenti, in cui ognuno potrà aggiornarsi costantemente intrecciando e assistendo a tutte le tavole rotonde in programma.
 
Il congresso porterà nella Capitale l’eccellenza dell’oftalmologia italiana e non solo, candidandosi a essere tra i più importanti degli ultimi anni, anche per la componente formativa che metterà di fronte le nuove leve con i principali esperti in materia. Fuori dalle sale congressi, 4 quelle impegnate in contemporanea, 700 mq dedicati a strumentazioni, stand e vere e proprie biblioteche scientifiche.


Tecnologia d’avanguardia. “Verranno  presentate le ultime innovazioni presenti sul mercato, sia le eccellenze italiane che quelle internazionali, grazie alle quali l’oculistica può oggi contare su standard di qualità elevatissimi. La chirurgia della cataratta ha a disposizione lenti intraoculari di nuova generazione che – spiega  il Prof. Roberto Bellucci, Presidente Aiccer – sostituendo il cristallino naturale divenuto opaco per cataratta, consentono di vedere lontano e vicino realizzando il principale desiderio delle persone operate per cataratta, cioè l’indipendenza dagli occhiali. Anche la chirurgia refrattiva è sempre più sicura e in grado di garantire la soddisfazione delle aspettative di chi si sottopone all’intervento. L’Italia è protagonista in questa evoluzione tecnologica: l’efficacia clinica ed il gradimento dei pazienti testimoniano quanto può fare il nostro Paese nel mondo”.

Verranno discusse illustrate e presentate le più moderne tecniche per la soluzione mini-invasiva dei difetti refrattivi come la nuovissima tecnica SMILE e le tecniche di correzione laser per la presbiopia. Le strumentazioni sia laser che di altro tipo che saranno utilizzate durante i tre giorni del congresso, rappresentano lo sguardo al futuro necessario a molti ospedali per mantenere gli standard alti su cui si è attestata la medicina italiana, come evidenziato anche dal Prof. Aldo Caporossi, presidente del congresso: “La mia generazione ha scritto la storia dell’oftalmologia, e se oggi vogliamo continuare a rappresentare l’eccellenza nel mondo abbiamo bisogno di investire nei giovani tramandando la nostra esperienza sul campo, ma anche puntare ad avere strumentazioni per aiutare al meglio i nostri pazienti”.

Il programma. Le relazioni degli oltre 130 relatori si concentreranno principalmente su tutti i problemi legati alla cataratta e refrattiva, la chirurgia dei difetti di vista. Verranno analizzati in maniera minuziosa, attraverso numerosi panel di discussione in cui i medici potranno incrementare il proprio livello di conoscenza e condividere, come detto, quello esperienziale.

Vi sarà una sessione interamente dedicata ai giovani chirurghi, che saranno loro stessi protagonisti delle proprie iniziali esperienze guidati dai chirurghi più esperti per aiutarli a “crescere” nella loro professione.
A questi giovani poi verranno messe a disposizione sale per incontri e dibattiti per discutere in modo proattivo sulle tematiche affrontate.
Con uno spazio che sarà di volta in volta sempre dedicato ai più giovani, Meet the expert, ai quali verranno messe a disposizione sale per incontri e dibattiti in numero limitato per discutere in modo proattivo sulle tematiche affrontate.

Il primo giorno di lavori si aprirà con un simposio sul Cheratocono e sul “Cross-Linking corneale”; questa metodica ideata in Germania, ma sviluppata e resa attuabile, ripetitiva ed efficace dal Prof. Aldo Caporossi da Direttore dell’ Istituto di Clinica Oculistica a Siena e continuata come Direttore dell’ Istituto di Oftalmologia del Policlinico Gemelli.

Grazie alla collaborazione con società monotematiche ci sarà un simposio sul glaucoma con la Società Italiana Glaucoma (SIGLA), sulla cornea con la Società Italiana Trapianti di Cornea (SITRAC) e sul trauma con la Società Italiana di Ergoftalmologia e Traumatologia Oculare (SIETO), tutti per la durata di due ore e in aule diverse.

La chirurgia in diretta. Ma l’espressione più importante del Congresso è la chirurgia in diretta, che inizierà giovedì con due sessioni e tutto il giorno di venerdì: 28 interventi di cataratta e refrattiva con 4 laser a femtosecondi (unica occasione per vedere lavorare i 4 laser contemporaneamente) con i migliori chirurghi italiani e la presentazione di tutti gli aggiornamenti di queste macchine  e le novità chirurgiche.

Come spiega il Prof. Mastropasqua: “La tecnica All laser o Tecnica zero ultrasuoni, consiste nella combinazione del femtolaser e del nanolaser. Il laser a femtosecondi viene utilizzato per effettuare i tagli sulla cornea e a livello del cristallino con estrema precisione ed il nanolaser sostituisce gli ultrasuoni nel completamento della frammentazione del cristallino. Combinando il femtolaser ed il nanolaser si associano i vantaggi delle due tecniche con un miglioramento della visione legato alla precisione delle incisioni effettuate con il femtolaser ed una riduzione del danno termico oculare ottenuto con l’azzeramento degli ultrasuoni”.
I nuovi facoemulsificatori e tutta la tecnologia delle lenti intraoculari per una chirurgia refrattiva della cataratta. Venerdì sarà anche una giornata importate dal punto di vista medico-legale e dei problemi della fragilità zonulare, problematica frequente e che pone parecchi quesiti e problemi nella scelta della tecnica chirurgica e della lente intraoculare da impiantare.

Nei focus della giornata verranno analizzati i casi più difficili (la cataratta lussata, quella bianca e quella brunescente) e poi spazio alle problematiche in crescita delle lenti intraoculari. Interessante anche la relazione che porterà la studiosa americana Liliana Werner. La statunitense esporrà il suo lavoro in una lettura magistrale del suo studio anatomopatologico degli occhi pre e post mortem, per comprendere come si comportano le strutture intraoculari a contatto con i materiali sintetici, usati durante gli interventi e che reazioni possano avere a contatto con i tessuti oculari.

Ascolta l’intervista con il Prof. Caporossi

©2016 Radio Wellness®

Taggato come

Spiacenti, nessun articolo correlato.

Radio Wellness è una testata giornalistica che offre informazioni a carattere generale su salute e benessere.