Banner RWN
Ascolta RWN
Ascolta RWN

26 novembre: Giornata della Carenza di Ferro. Donne in età fertile e pazienti con scompenso cardiaco al centro dell’attenzione

Il 26 novembre si celebra la Giornata della Carenza di Ferro, giunta quest’anno alla sua quinta edizione. Focus dell’iniziativa è aumentare la consapevolezza sull’importanza del ferro per il nostro organismo e i rischi legati alla sua carenza. Quest’anno l’attenzione riguarda in particolare le donne in età fertile, specialmente durante la gravidanza e i pazienti affetti da scompenso cardiaco, mediante una campagna promossa dalla European Kidney Alliance, l’Heart Failure Policy Network, la Anemia Alliance e il contributo di Vifor Pharma Italia.

La carenza di ferro è una condizione di cui soffre una persona su 3 nel mondo. Una problematica ancor poco conosciuta e sotto diagnosticata, anche a causa di una sintomatologia aspecifica, ma che può essere molto debilitante e se prolungata nel tempo, portare a gravi conseguenze per la salute.
Affaticamento, pallore, fragilità alle unghie, perdita di concentrazione, irritabilità e in alcuni casi picacismo (dediderio di ingerire cose non commestibili come ghiaccio e argilla), sono tra i segnali più comuni per riconoscerla.

Il ferro è essenziale per la produzione dei globuli rossi, assicura il buon funzionamento di cuore, cervello e muscoli scheletrici, ricoprendo un ruolo fondamentale anche nel combattere infezioni e malattie. Scarse riserve di questo prezioso oligoelemento nel nostro organismo comportano scompensi a metabolismo, salute fisica e mentale, produttività e funzionalità sessuale. Secondo i dati dell’OMS la carenza di ferro può causare una riduzione del 30% dell’attività fisica.

In riferimento alle donne in età fertile, la carenza di ferro risulta una problematica abbastanza comune (ne soffre quasi una donna su 3), ed è associata principalmente alle perdite di sangue dovute al ciclo. Ancor più delicato poi è il periodo della gestazione dove il fabbisogno di ferro triplica per garantire il corretto sviluppo di placenta e feto, specialmente per lo sviluppo cerebrale e del sistema immunitario. Lo stato anemico nelle donne in gravidanza può quindi comportare il rischio di parto prematuro e bambini sottopeso. Anemia che può protrarsi anche dopo il parto con maggior probabilità di depressione post partum, ansia e insufficienza primaria di lattazione.

La carenza marziale può portare un rischio anche nei pazienti affetti da scompenso cardiaco.
“Aumenta il rischio di mortalità di oltre il 40%, causa un peggioramento della qualità di vita e riduce di oltre il 10% la capacità di esercizio fisico che è invece fondamentale per mantenere in buone condizioni la funzionalità cardiaca” afferma Maurizio Volterrani, Primario di Cardiologia presso l’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma.

Redazione

©2019 Radio Wellness®

Condividi su:
Taggato come

Radio Wellness è una testata giornalistica che offre informazioni a carattere generale su salute e benessere.

LA TUA RADIO PERSONALIZZATA

Realizziamo palinsesti totalmente personalizzabili, da non confondere con la nostra webradio che trasmette contenuti…

Leggi tutto