cantiere donne cover

Nasce il Cantiere delle donne, per dare voce all’universo femminile

Obiettivi ambiziosi per il Cantiere delle donne, la neonata associazione che vuole garantire la parità di genere. Oltre 6.300 le iscritte

Non poteva essere che il Caffè Pedrocchi di Padova ad ospitare la presentazione ufficiale del Cantiere delle donne, l’associazione di promozione sociale nata in piena pandemia a Padova, e arrivata oggi a contare più di 6.300 iscritte alla community su Facebook, da tutta Italia e non solo.

Da cosa nasce il Cantiere delle donne

Le fondatrici sono 7 professioniste della comunicazione e giornaliste venete, che dopo aver fatto un percorso con le donne iscritte e trattato tematiche al femminile, si prefiggono ora l’obiettivo di lavorare concretamente sul campo con e per le donne, da Padova a Oslo, dove è attiva una delle donne del Cantiere.

Altro obiettivo è quello di dare vita anche online a quella “rivoluzione gentile” che, da mesi, stanno portando avanti, tra webinar, istanze ai politici, appelli, incontri e confronti online. Nell’articolo 5 dello statuto dell’associazione si legge, infatti, che l’associazione “Cantiere delle donne”: “vuole appartenere e operare nella pòlis e lavorare affinché le donne siano sempre più presenti ad alto livello, ricoprendo ruoli apicali nelle istituzioni pubbliche, private e nella politica a prescindere dall’orientamento di appartenenza”.

Alcune delle fondatrici de Cantiere delle donne

L’associazione ‘Cantiere delle donne’

La nuova associazione, sempre da statuto “è un’associazione apartitica e laica ma non apolitica, che vuole pertanto diventare un gruppo di influenza per:

  • valorizzare il ruolo delle donne nella società, nella famiglia, nella politica e in generale in tutti gli ambiti della vita economica, di aggregazione, pubblica, professionale, scientifica e tecnica;
  • contribuire a colmare quel gender gap che limita la partecipazione delle donne nel mondo del lavoro, della cultura, delle arti, della politica e dei mestieri, per formare una società più equa, più paritaria e aperta ai talenti femminili;
  • fare rete per promuovere la cultura del rispetto e della collaborazione fra le comunità di qualsiasi tipo con uno spirito di combattiva solidarietà;
  • svolgere un ruolo di think tank per le istituzioni e per chi appartiene alla politica per elaborare proposte di cambiamento e richieste che possano facilitare la vita delle donne, innanzitutto, ma anche degli uomini.

Ad essere eletta Presidente dell’associazione, è la giornalista Micaela Faggiani, anima e ideatrice del Cantiere insieme alle colleghe Alessia Da Canal, nominata vicepresidente e Antonella Benanzato, tesoriere.

Del direttivo, poi, fanno parte le giornaliste Lisa De Rossi, Laura Eduati, la comunicatrice Silvia Pittarello e la donna marketing Mara Rosolen.

Una delle tante iniziative del Cantiere delle donne

L’evento

Nel corso della serata le autorità regionali e cittadine hanno salutato con un benvenuto iniziale la neo associazione: sono intervenuti rappresentanti della Regione Veneto, di Comune e Provincia di Padova, Questura e Camera di Commercio.

A dare rilevanza alla serata sono state anche alcune ospiti d’onore, come suor Miriam Presidente di Casa Priscilla, che accoglie mamme e bambini che stanno vivendo situazioni di disagio o di abbandono familiare; Valeria Arzenton socia di Zed Live, da sempre in prima linea per le donne che vogliono cambiare il mondo a partire dall’intrattenimento musicale e Lorenza Mario, ballerina, attrice, cantante tra i protagonisti del musical dedicato a Raffaella Carrà e portato in scena da Valeria Arzenton.

Al centro della serata la presentazione della storia, del presente e soprattutto del futuro del Cantiere delle donne, al quale, da oggi, tutti potranno associarsi iscrivendosi online attraverso il sito https://www.cantieredelledonne.it/about/diventa-socia-socio/

Tra i progetti futuri molta formazione mirata per le donne, sia in presenza che online, eventi organizzati dal Cantiere o in rete con altre associazioni o realtà.

Tra i prossimi:  10 ottobre La Notte dei senza dimora 2021 – Associazione Avvocati di Strada,  pomeriggio dedicato alle donne in strada; 22 ottobre inaugurazione della mostra del e dibattito su “Una famiglia, tutti i colori” in collaborazione con “Mamme per la pelle” e sui temi della discriminazione, xenofobia e la presentazione dell’Agenda 2022 edita da All Around Edizioni, scritta in collaborazione con il Cantiere delle donne, con 12 storie di altrettante donne del Cantiere che si sono raccontate, provenienti da tutta Italia.

L’agenda è stata presentata in anteprima nel corso della serata, e sarà disponibile anche online.

Leggi anche il nostro articolo “Giornata mondiale contro violenza sulle donne”

Eva Franceschini

Fonte immagini: Pexels e Cantiere delle donne

©2021 Radio Wellness®

Condividi su: