favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Dieta mediterranea, 5 cibi per ritrovare il benessere

Condividi

La dieta mediterranea, toccasana per corpo e mente: l’opinione dell’esperto

Le possibilità di regimi alimentari diversi è praticamente illimitata, ma la dieta mediterranea è conosciuta in tutto il mondo ed è la più completa da un punto di vista nutrizionale. A svelarne i segreti e consigliare i 5 alimenti da inserire nell’alimentazione è il dottor Francesco Francini, medico nutrizionista dell’Azienda ospedaliera di Padova.

Dieta mediterranea, le origini

La dieta mediterranea ha origini molto lontane nel tempo ed è un modello alimentare ispirato a quelli diffusi nel bacino del Mediterraneo nel corso dei secoli. In particolare, è il regime alimentare dei Paesi del Mediterraneo che condividono l’uso dell’olio d’oliva.

Essa ha origine verso la fine dell’alto Medioevo, intorno all’anno 1000, quando lo stile alimentare dell’Europa e dell’area Mediterranea era riconducibile ai due modelli alimentari derivati dalla civiltà classica e da quella barbarica. La fusione di questi due modelli ha portato alla condivisione di alimenti diversi e alla nascita di un tipo di alimentazione nuovo e più completo.

Frutta di stagione per assumere vitamine e minerali

Il vino rosso, uno degli elementi importanti

I consigli del dottor Francini partono da uno degli elementi più discussi: il vino. Alcol sì o alcol no? “Se si tratta di un bicchiere di buon vino rosso direi si – risponde Francesco Francini ai nostri microfoni -. È ricco di polifenoli, che hanno un’importante funzione antiossidante e antinfiammatoria. Uno o due bicchieri di vino rosso durante il pasto portano benefici al nostro organismo, mentre tutto ciò che è superalcolico non fa assolutamente bene alla nostra salute.

Vino rosso, ricco in polifenoli

Cereali, preferibilmente integrali

I cereali rappresentano un’altra pietra fondamentale della dieta mediterranea: ricchi di fibre, vitamine e sali minerali sono una fonte indiscussa di energia: “Sono importantissimi per il funzionamento dell’organismo – prosegue il dottor Francini -. Aiutano il nostro intestino, apportano la giusta dose di calorie, ci supportano nello svolgimento delle attività da portare a termine durante il giorno.

Meglio consumarli integrali, perché mantengono maggiormente le proprietà nutritive. Evitate, se possibile, di acquistare piatti pronti: contengono conservanti che deprivano gli alimenti delle loro vitamine”.

Cereali, fonte di energia duratura nel giorno

Le percentuali: verdura, frutta, carne, pesce, formaggi

La bellezza della dieta mediterranea è che consente di mangiare davvero tutto, almeno per quanto riguarda i cibi sani e non ultra-processati: “Se avete deciso di dedicarvi a questa dieta potete mangiare frutta e verdura in abbondanza, almeno 5 porzioni al giorno in tutto, proseguire con il pesce e le uova per almeno due volte alla settimana, dare spazio ai carboidrati, preferibilmente integrali, anche tutti i giorni, e alle proteine.

Un po’ di attenzione alle carni rosse – raccomanda Francini -, e ai dolci, che vanno consumati con moderazione e nelle prime ore della giornata, così da dare al corpo il tempo di utilizzarli e non accumularli”.

Leggi anche il nostro articolo ‘Collagene idrolizzato, un aiuto per la flessibilità di tutti’

Fonte immagini: Freepik