Di Più!

L'App

Google News App

palloncino gonfiore addominale

Gonfiore addominale, 5 consigli per limitarlo

Gonfiore addominale, un disturbo fastidioso che può essere arginato con alcuni semplici accorgimenti. Ecco 5 consigli per evitarlo

La dott.ssa Elena Bonvegna, dietista nutrizionista, ci spiega come arginare il fastidioso disturbo del gonfiore addominale. Segui il nostro @radiowellness_magazine.

  1. Consuma con moderazione bevande gassate, alcolici, super alcolici e gomme da masticare.
  2. Limita alcune tipologie di verdure come l’insalata e le crucifere (broccoli – cavoli – verze)
  3. Mastica bene e lentamente, senza avere troppa fretta durante il pasto
  4. Limita i prodotti integrali e prediligi legumi decorticati
  5. Dedica del tempo a te stesso, cercando di gestire al meglio lo stress.
Gonfiore alla pancia, ridurre gli alcolici – Menu foto creata da Racool_studio – it.freepik.com

Ma il gonfiore addominale non è solo un disagio estetico, che a volte ci impedisce di indossare vestiti aderenti o ci rallenta nei movimenti. Questo sintomo può essere associato a patologie più importanti. Ecco perché quando si ripete spesso è consigliabile rivolgersi al proprio medico.

Gonfiore addominale, sintomo anche di malattie (fonte: Humanitas.it)

Il gonfiore addominale è in genere il sintomo di un accumulo di gas nello stomaco o nell’intestino. Può essere associato a un dolore anche intenso e a causarlo possono essere alcuni cibi, bevande gassate, la cattiva abitudine di mangiare troppo in fretta, le gomme da masticare, il fumo, lo stress o l’ansia. Non è però da escludere che il gonfiore possa essere la conseguenza della presenza di una malattia che richiede cure specifiche.

Quali malattie si possono associare al gonfiore addominale?

  • Appendicite
  • Calcoli alla cistifellea
  • Celiachia
  • Cirrosi epatica
  • Colecistite
  • Fibrosi cistica
  • Gastroenterite virale
  • Intolleranza al lattosio
  • Malattia di Chagas
  • Occlusione intestinale
  • Peritonite
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Tifo
  • Tumore del colon-retto
  • Tumore dell’ovaio
  • Ulcera duodenale
  • Ulcera gastrica

Leggi anche l’articolo in Radio Salute sulla celiachia.

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi. 

Altri rimedi contro il gonfiore addominale

Episodi isolati di gonfiore addominale tendono a risolversi da soli. Nel caso in cui si ripetano può essere utile cercare di ridurre l’assunzione di alimenti e bevande che favoriscono l’accumulo di gas nell’apparato digerente, come ad esempio fagioli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo e cavolfiore, mele, pere e pesche, lattuga, cipolla, cereali integrali e bibite gassate. In alcuni casi potrebbe essere utile limitare (o addirittura evitare completamente) anche il consumo di latte e dei suoi derivati.

 Gonfiore addominale, quando rivolgersi al proprio medico?

È bene rivolgersi al medico se il gonfiore addominale persiste nonostante gli accorgimenti alimentari e se è associato a diarrea, dolori addominali forti o persistenti, sangue nelle feci, cambiamento del colore delle feci, modificazione della frequenza delle evacuazioni, perdita di peso ingiustificata e dolore al petto.

Redazione

Immagine copertina: Canva

©2022 – Radio Wellness®

Condividi su: