favorite
Categorie
Podcast & Programmi
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

LA SIIA AVVERTE: ATTENZIONE, ANCHE I GIOVANI SONO IPERTESI

Condividi

Nel corso del suo XXXII Congresso Nazionale, la Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa spiega come prevenire il rischio cardiovascolare sin dall’età pediatrica

Abbattere il luogo comune per cui l’ipertensione è solo una patologia che interessa l’età adulta è uno dei temi di maggiore rilevanza tra quelli affrontati in occasione del XXXII Congresso Nazionale della SIIA, Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa, in corso di svolgimento a Bologna, presso il Palazzo dei Congressi, dal 24 al 26 settembre.   Quello dell’ipertensione giovanile è un problema da sempre a cuore della Società presieduta dal Prof. Claudio Borghi, come dimostrato dallo studio I-GAME che pone l’accento proprio sui dati che vedono in crescita i livelli di ipertensione nelle fasce d’età più giovani e addirittura in quella pediatrica. Impegno che la SIIA ha tradotto in un apposito Simposio dedicato a questa materia all’interno dei lavori del Congresso.   Uno degli aspetti più importanti che sta emergendo da questo Convegno – spiega il Prof. Borghi – è l’importanza della prevenzione cardiovascolare già in età giovanile e adolescenziale. C’è una fetta importante di pazienti con condizioni clinico-genetiche potenzialmente a rischio che necessita di essere sottoposta a uno screening iniziale che potrebbe rilevare un aumento innaturale dei valori di pressione arteriosa”.   Un approccio semplice ma efficace, che non vuole creare una patologia in età infantile, ma offrire minime regole di prevenzione cardiovascolare anche per i bambini, come ad esempio l’importanza di misurare la pressione arteriosa almeno una volta l’anno per poi proseguire il monitoraggio fino all’età adulta. Controllare il rischio di sviluppare l’ipertensione fin dall’età giovanile è un messaggio che risulta perfettamente in linea col recente orientamento governativo teso a ridurre gli esami diagnostici inutili.   Il provvedimento recentemente adottato dal Ministro Lorenzin si propone di limitare uno screening sistematico della colesterolemia al di sotto dei 40 anni, ma non impedisce di stabilire il livello di colesterolo del paziente. Per coloro che presentano un elevato valore di colesterolo o una familiarità per le malattie cardiovascolari, il provvedimento non si applica”, afferma il Presidente della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa.   L’obiettivo della SIIA è quello di elaborare una strategia di prevenzione dell’ipertensione giovanile dall’elevato impatto clinico e un basso costo: per la sua realizzazione, infatti, necessita di uno sfigmomanometro, dell’eventuale dosaggio di colesterolo e di un corretto stile di vita con particolare riferimento al regime alimentare. “Il nostro messaggio – conclude Borghi – è quello di considerare il rischio cardiovascolare come un aspetto fondamentale, tenendo presente che alcuni elementi di questo problema potrebbero manifestarsi già nei primi anni di vita e vanno quindi identificati il più precocemente possibile”. ©2015 Radio Wellness®