Ludmilla Radchenko

Ludmilla Radchenko, arte e sostenibilità. A Wellness Stories

Giovedì 29 luglio alle 18.00 su IGTV di Radio Wellness e poi su RadioWellness.fm il sabato e la domenica alle 18.00, Kris Reichert è la padrona di casa di Wellness Stories. Questa settimana, Ludmilla Radchenko si racconta: dal mondo della moda alla tv, ora quotata artista pop.

La scelta di Ludmilla, quella che racconta a Kris Reichert nel prossimo appuntamento di Wellness Stories, è quella che va nel senso del benessere per lei e per tutta la sua allegra famiglia. Con il marito infatti sta lavorando ad un progetto all’insegna della sostenibilità, progetto di cui parlerà nel corso della live su IGTV di Radio Wellness proprio nel prossimo appuntamento.

Ludmilla Radchenko, siberiana, originaria di Omsk, nel 1997 conquista la fascia di Miss Fascino al concorso di Miss Russia. Poi il diploma in design nella moda, le prime esperienze in tv avute tra Mosca e San Pietroburgo e l’arrivo in Italia. Inizia la sua carriera con piccoli ruoli per poi fare la ballerina a “La sai l’ultima?” e, l’anno dopo, a “Passaparola”, condotto da Gerry Scotti, è una delle mitiche letterine.

Nel 2003 conduce uno spazio su Spicy Tg su Antennatre. Continuando a sfilare come modella, e nel 2004 è la protagonista del calendario della rivista Fox. Nel 2005 partecipa al reality “La Talpa”. Nell’estate del 2006, è protagonista di “On the Road” a Miami, programma in onda su Italia 1. L’anno successivo conduce “Tuning and fanatics”, trasmissione in onda su Sky. Partecipa inoltre al reality show “Reality Game” su Sky Vivo.

E’ poi la volta della sua collaborazione per All Music al programma di moda Modeland condotto da Jonathan Kashanian.

Recita nel film “Il viaggio” e partecipa a due episodi della serie tv “R.I.S. – Delitti Imperfetti”, oltre a partecipare in piccoli ruoli come comparsa in altre produzioni italiane. Nel 2008 prende parte al film “A Light of Passion”. 

Ludmilla Radchenko è una donna poliedrica, la sua vena artistica esce prepotente e la porta ad una serie di collezioni che arrivano sino ad Amsterdam e a Monaco. Nel 2011 apre uno studio a Milano sulla pittura Pop Art. La sua personale interpretazione della corrente artistica sbarca a New York, dove nel 2011 una galleria raccoglie i suoi quadri.

Una delle opere di Ludmilla Radchenko

Da dicembre 2010 è nelle librerie Feltrinelli il suo primo catalogo: “POWER POP” edito da Skira. Su commissione realizza opere per personaggi come il campione di moto GP Jorge Lorenzo, il campione di F1 Sebastian Vettel, il cantante Jamiroquai.

La creatività di Ludmilla arriva anche alla moda e al design, con personalizzazione degli spazi e degli arredi, da qui nascono collaborazioni con diversi brand e una linea di foulards con stampe d’arte su materiali pregiati, questo progetto “FullART” Made in Italy, riscuote successo a livello mondiale.

Il marchio “Siberian soup” FullART by Ludmilla Radchenko diventa un vero e proprio brand registrato a livello mondiale.

Ludmilla Radchenko nel privato

Il 19 luglio 2013 si è sposata con la “Iena” Matteo Viviani. La coppia ha due figli, Eva nata nel 2012, e Nikita nato il 25 maggio 2017. Ludmilla è molto attiva sui social, il suo profilo Instagram è seguito da 130mila follower ed è sempre e costantemente aggiornato con foto delle sue ultime esposizioni e momenti di vita familiare. Moltitudine di foto legate anche ai suoi viaggi, che lei ama molto.

Segui anche la puntata di Wellness Stories dedicata a Justine Mattera

Redazione

©2021 Radio Wellness®

Condividi su: