prova costume

Prova costume: 1 italiano su 4 quest’anno non la supera

Fallisce la prima prova costume di un italiano su quattro (25%) che si è messo a dieta per il tradizionale appuntamento sulle spiagge che anticipa l’estate, ritardato quest’anno da un mese di maggio insolitamente freddo e piovoso oltre che dalle limitazioni dettate dalla pandemia.

E’ quanto emerge da un sondaggio on line sul sito www.coldiretti.it diffuso in occasione di questo lungo weekend che precede il 2 giugno con 9 milioni di italiani che hanno deciso di mettersi in viaggio scegliendo come meta soprattutto il mare.  Un appuntamento atteso – evidenzia Coldiretti – per trascorrere il proprio tempo libero in costume e godersi il primo caldo, nonostante il fisico un po’ appesantito dopo i tanti mesi di immobilità forzata. Durante il lockdown – sottolinea la Coldiretti – il 44% degli italiani è aumentato di peso per il maggiore apporto calorico, correlato ad una minore attività fisica, che ha riguardato ben il 53% della popolazione analizzata nell’indagine elaborata dal Crea Alimenti e Nutrizione.

prova costume

Computer, divano e tavola hanno, infatti, sostituito il moto e lo sport anche per effetto delle limitazioni rese necessarie per combattere i contagi. Le misure di restrizione per la pandemia, con la permanenza in casa e la chiusura delle palestre, hanno determinato un aumento dei consumi a tavola ed una riduzione del movimento fisico che hanno impattato sulla bilancia e favorito un incremento del peso di 2 kg in media a persona, secondo un’analisi della Coldiretti.   

La prova costume perfetta parte dalla dieta mediterranea

Necessario dunque correre ai ripari. Se è scontro tra le diverse proposte dei dietologi per affrontare il sovrappeso, sono invece unanimemente riconosciuti i benefici della dieta mediterranea che, con frutta, verdura, pane, pasta, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari aiuta a ritrovare e a mantenere il peso-forma. 

prova costume

Non a caso, la dieta mediterranea si è classificata come migliore dieta al mondo del 2020 davanti alla dash e alla flexariana, sulla base del best diets ranking elaborato dal media statunitense U.S. News & World’s Report’s, noto a livello globale per la redazione di classifiche e consigli per i consumatori. Una vittoria ottenuta – conclude la Coldiretti – grazie agli effetti positivi sulla longevità e ai benefici per la salute, tra cui proprio la perdita e il controllo del peso, oltre a salute del cuore e del sistema nervoso, prevenzione del cancro e delle malattie croniche, prevenzione e controllo del diabete.   

Dieta mediterranea, esercizio fisico e costanza sarebbero dunque la chiave per poter dimagrire in maniera sana ed equilibrata, senza troppe fatiche e diete frenetiche che, spesso, possono risultare addirittura dannose per il nostro organismo.

Leggi anche il nostro articolo dedicato alla dieta chetogenica

Redazione

Fonte: ufficio stampa Coldiretti

Fonte immagini: Pexels

©2021 Radio Wellness®

Condividi su: