favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Educare i propri figli alla tolleranza, uno dei valori che la società di oggi sta perdendo

Condividi

La tolleranza, un valore che, al giorno d’oggi, risulta difficile da assimilare e mettere in pratica, in un mondo che quotidianamente presenta pregiudizi e diversità. Ecco che viene istituita dall’Unesco nel 1195 una giornata internazionale dedicata alla tematica, ricordando i princìpi ispiratori della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo del 1948 e promuovere comprensione e tolleranza nei confronti di tutti, indipendentemente da etnia, religione, lingua e costumi. La SIPPS dunque, in occasione della giornata internazionale, ricorda l’importanza dell’educazione e formazione dei propri bambini al rispetto e tolleranza verso la diversità. Il dott. Giuseppe Di Mauro, Presidente SIPPS afferma infatti che: “Oggi le nostre classi sono composte da molteplici etnie, i bambini si confrontano sempre più spesso con coetanei di culture e nazionalità diverse. È proprio in questo contesto che grandissima importanza assume la formazione che il piccolo ha ricevuto, i valori con cui è stato cresciuto. Dobbiamo essere noi genitori a parlare con i nostri figli, ad insegnare loro il rispetto per l’altro e l’accettazione di ogni diversità di cultura, colore della pelle, etnia o religione, evitando così il generare di sentimenti di ansia o paura per il diverso.” Sempre più casi di intolleranza sono stati registrati tra i banchi di scuola e non solo. Ci troviamo spesso di fronte a situazioni estreme anche durante lo sport, un’attività che dovrebbe incentivare la coesione e portare con sè sani principi ma che, sovente, è luogo di stereotipi o episodi di bullismo, addirittura da parte dei genitori. Secondo l’ODIHR (l’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani) dell’OCSE, i reati motivati dall’odio in Italia sono passati da 71 nel 2012 a 803 nel 2016 (il dato 2012, però, potrebbe essere particolarmente basso a causa di problemi nel sistema di rilevazione). Più della metà di questi episodi sono indicati come crimini legati a razzismo o xenofobia. “Ansia e preoccupazione per ciò che è diverso, non uguale a noi, possono insinuarsi per ignoranza o per paura e la paura genera poi rifiuto e odio – aggiunge il Presidente Di Mauro. Ecco perché è importante spiegare e rispondere alle domande dei nostri figli quando accadono episodi di intolleranza. La diversità deve essere vista come un’occasione, un’opportunità, un punto di incontro e socializzazione alla base della mentalità moderna: la diversità è un valore. E non dobbiamo mai dimenticare che alcuni stati emotivi negativi purtroppo si “apprendono” molto velocemente per imitazione involontaria sin dalla giovane età”.   Redazione Fonte: Ufficio Stampa GAS Communication ©2019 RadioWellness®