favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

MONI.CA

MONI.CA, tecnologia a tutela dell’ambiente, al via un progetto Italia-Croazia 2021-2027

Condividi

MONI.CA (air MONItoring aCross Adriatic) è il nome del progetto finanziato dal programma UE Interreg Italia-Croazia 2021-2027 che mira a sviluppare un sistema avanzato per il monitoraggio degli agenti inquinanti nell’aria grazie all’utilizzo integrato di alianti, droni e sensori all’avanguardia

Immaginate un mondo in cui la tecnologia viene ideata con lo scopo di prendersi cura dell’ambiente. Un pianeta dove i progetti si realizzano in un’ottica globale per permettere a Nazioni diverse di fare fronte comune così da ottenere risultati sempre più efficaci. Immaginate che tutto questo stia avvenendo proprio ora.  MONI.CA (air MONItoring aCross Adriatic) è il nome del progetto finanziato dal programma UE Interreg Italia-Croazia 2021-2027 che dimostra che tutto questo è effettivamente possibile.

MONI.CA, progetto che unisce Italia e Croazia

L’iniziativa ha visto come protagoniste  l’Università RIT Croatia e l’Ente di formazione professionale Eduforma Srl che, unendo le loro forze e condividendo le rispettive competenze sono riuscite a sviluppare un sistema avanzato per il monitoraggio degli agenti inquinanti nell’aria grazie all’utilizzo integrato di alianti, droni e sensori all’avanguardia. Il progetto, che ha potuto disporre di un co-finanziamento all’80% di 213.384 euro stanziato dal FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale), ha permesso la creazione di un prototipo di rilevazione dinamico, efficiente e comprensivo di un software in grado di effettuare l’analisi dei dati raccolti.

Progetto MONI.CA – Tiziana Grossele

Ecco come funziona: l’aliante, alimentato da pannelli fotovoltaici, permette una copertura estesa e la rilevazione iniziale di inquinanti. Il compito di eseguire interventi più mirati è invece affidato ai droni che agiscono in aree con livelli particolarmente critici di inquinamento. I dati raccolti vengono poi messi a disposizione degli enti pubblici per essere utilizzati come punto di partenza in costante aggiornamento per lo sviluppo di politiche ambientali consapevoli.

Progetto MONI.CA – Massimo Beltramin

Ma non è tutto. Attraverso la formazione e gli scambi fra studenti italiani e croati MONI.CA ha permesso di facilitare e incrementare la comprensione delle nuove tecnologie, nonché di sensibilizzare i cittadini sui benefici derivanti da comportamenti più sostenibili, anche attraverso campagne social su Instagram, Facebook e LinkedIn.

Dopo le sperimentazioni effettuate nei territori dei primi due  comuni interessati (Padova e Dubrovnik), ora la sfida è quella di coinvolgere nel progetto anche altre città italiane e croate. «Il progetto – spiega Davide Destro, Communication Manager del progetto per Eduforma Srl – è particolarmente innovativo perché riesce a combinare in una sinergia perfetta, una sensoristica avanzata molto leggera, un aliante sospinto da energia solare e un drone.

Progetto MONI.CA – Davide Destro

Una soluzione economica e trasportabile, che appena entra in azione mostra immediatamente i suoi risultati grazie al trasferimento degli stessi in tempo reale su Cloud. Si tratta di un progetto di piccola scala, quindi serve principalmente per testare le soluzioni innovative che poi possono essere facilmente riprodotte da tutti i portatori di interesse, come gli stakeholder, le agenzie settoriali e ministeriali o altre aziende».