pianta

Con Treedom puoi piantare alberi per la salute del pianeta

Piantare alberi per l’ambiente: ognuno può acquistare il suo albero e seguirlo a distanza con il Gps

Ripopolare il pianeta di alberi, offrendo alle aziende e alle persone l’opportunità di piantarli e vederli crescere insieme alle loro comunità. Ci ha pensato Treedom, un sito nato a Firenze nel 2010, il cui business model ha permesso di piantare oltre 2.000.000 di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Gli alberi vengono piantati direttamente da contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici

Treedom, il diario dell’albero

Ogni albero ha una pagina online, viene geolocalizzato e fotografato, può essere custodito, o regalato virtualmente a terzi. Grazie a queste caratteristiche, l’albero di questa innovativa società fiorentina coinvolge le persone che possono acquistare il proprio albero, o regalarlo in occasione del Natale o di un compleanno o, perché no, di un lieto evento come un matrimonio o una nascita.

Con il diario dell’albero, accessibile con un semplice link che viene inviato direttamente da Treedom, ognuno può seguire la storia dell’albero acquistato, dal momento in cui viene piantato, lungo tutto il corso della sua vita. Nei video realizzati dai forestry manager è possibile vedere la comunità in cui l’albero è inserito, e le tante attività che vi si formano attorno.

Piantare un albero per la riforestazione

I benefici di Treedom sull’ambiente e il benessere delle persone

Dalla sua nascita ad oggi, si contano 2.314.910 alberi piantati, 635.974.219 kg di CO2 assorbita, 136.171 contadini coinvolti di 18 Paesi diversi, per un totale di 7.010 aziende coinvolte. All’impegno nella tutela ambientale si affianca un approccio profondamente umano al contesto lavorativo: «La nostra sede principale è un casale sui colli fiorentini  – racconta Anna Ciattini, Partner & Head of Corporate Marketing di Treedom.

Lavoriamo in un clima di grande serenità, usufruendo della cucina, di una grande sala dove ci confrontiamo in riunioni di brainstorming, della possibilità di accedere agli uffici anche il sabato e la domenica, per chi lo desidera.

Non mancano gli spazi dedicati allo svago, con il ping pong, il Baopub dove ci incontriamo per un aperitivo serale, il forno a legna per la pizza, e un frantoio che usiamo per produrre olio.  Siamo abituati, inoltre, a lavorare anche in smart working, con collaboratori che si trovano in altre città».

Treedom aiuta anche le comunità locali

Treedom in numeri

E’ presente in 17 Paesi, tra cui UK, Germania, Olanda e prossimamente Francia, ed è in grande espansione, con l’obiettivo di essere presente in quasi tutti i continenti, con sedi anche negli USA e a Singapore

Ad accogliere la proposta di Treedom sono state, finora, 2.000 PMI e molte multinazionali di settori diversi, ad iniziare da H&M: il progetto ha coinvolto i 15.000 dipendenti europei del gruppo, regalando a ciascuno di loro una Treebox, un cofanetto regalo personalizzabile. La Treebox conteneva informazioni sulla campagna di sostenibilità CONSCIOUS, che l’azienda intendeva raccontare a tutti i lavoratori, insieme al codice regalo per piantare un nuovo albero nella Foresta H&M, e un papercraft in cartoncino a forma di albero, da montare e decorare

A quest’ultimo regalo era abbinato un concorso: tutti i lavoratori erano invitati a montare e decorare il papercraft, fotografarlo e condividere la foto su un sito creato appositamente. Sul sito, i lavoratori potevano anche commentare e votare le foto degli altri. Gli autori delle foto più votate, hanno vinto un viaggio per visitare la foresta creata da H&M, e vedere il proprio albero piantato da vicino.

Regala un albero Treedom

Un albero può essere un regalo diverso dal solito, con una valenza importante, e senza dover spendere grosse cifre. Con appena 14,90 euro è possibile regalare un cacao, un baobab, una quercia o altri alberi particolari, tipici di molte regioni remote del pianeta.

Leggi anche il nostro articolo “Giornata Mondiale dell’Ambiente. 2021 l’anno della svolta?”

Eva Franceschini

Fonte immagini: Pexels

©2021 RadioWellness®

Condividi su: