favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Street art, l’evento ‘In my name’: in scena le opere di 17 artisti internazionali

Condividi

Appuntamento con la street art in due location diverse che attraversano l’Italia da nord a sud

Colori, suggestioni, geometrie, disegni tridimensionali e sculture con la street art più esplosiva del momento: fino al 30 giugno a Treviso e dal 19 luglio al 3 novembre 2024 a Monopoli (BA), ‘In My name’ vi darà l’occasione di entrare in contatto con artisti di grande spessore, conosciuti in tutto il mondo e con percorsi evolutivi assolutamente diversi tra loro.

Street art, ‘In my name’

Una grande mostra-evento internazionale che celebra la storia e traccia l’evoluzione dell’Urban Art, una delle correnti più iperdinamiche dell’arte contemporanea. La mostra è organizzata da Unlike Unconventional Events con il patrocinio del Comune di Treviso e il Comune di Monopoli, e curata da Martina Cavallarin con Antonio Caruso, con la direzione artistica di MADE514 e il coordinamento culturale e scientifico di Christian Leo Comis.

L’obiettivo di ‘In my name. Above the show’ è fare il punto sullo stato della street art grazie alla presenza di artisti che sono i precursori di questa disciplina. L’allestimento delle opere è frutto di originalità di intenti e desiderio di sperimentazione.

Boost, Cento Canesio, Dado, Etnik, Giorgio Bartocchi, Hemo, Joys, Macs, made514, Peeta, Proembrion, Satone, Soda, V3erbo, Vesod, Won, Abc, Zed1 sono i più autorevoli artisti di fama internazionale che hanno segnato lo sviluppo dell’Urban Art in Europa. I discendenti di quella cultura ribelle del Graffiti Writing, emersa negli Stati Uniti mezzo secolo fa, improntata alla sperimentazione e alla rottura dei vecchi paradigmi.

Con una carica energica sorprendente hanno invaso le superfici delle città di tutto il mondo, dando vita a una vera e propria corrente artistica che oggi vive negli spazi aperti come nei musei e nelle gallerie.

Proembrion ‘Equatorial Plane’ 2023

‘In my name’, i numeri dell’evento dedicato alla street art

17 artisti, 155 fra tele e disegni, 2 opere in Virtual Reality, 18 tra sculture e installazioni, 5 video installazioni e proiezioni, più di 4000 mq di spazi espositivi tra Treviso e Monopoli, 23 eventi collaterali, 5 performance live, 1 contest per video maker, 2 bookshop con innumerevoli stampe, multipli ed edizioni limitate, 1 catalogo e 159 giorni di esposizione: sono i numeri della mostra.

Un vero happening sulla street art che attraversa l’Italia in sei mesi, due città e due regioni, da nord a sud. Prima a Treviso, presso il complesso industriale rigenerato delle ex Ceramiche Pagnossin, poi a Monopoli, negli spazi dell’Ex Deposito militare Carburanti.

Le creazioni inedite dei rami germinali dell’Urban Art si esprimono mediante una grande varietà di opere: lavori inediti e site specific realizzati con tecniche poliedriche, dall’acrilico allo spray, dalla sabbia alle lastre metalliche e trasparenti, dai labirintici teli appesi alla virtual reality, fino a sculture e installazioni audio video di diverse dimensioni e supporti.

Won Abc ‘Misterium Magnum 2021’ 2024

Gli spazi scenografici intrisi della memoria storica industriale del Novecento si fanno palcoscenico partecipato e condiviso sul quale le opere dialogano con un ricco calendario eventi: performance, azioni time specific, discipline urbane come parkour, bike e skate restituiscono senso e substrato a una vera e propria avanguardia in grado di riunire gioventù, periferie e minoranze e influenzare profondamente l’immaginario collettivo contaminandone tutti i campi, dalla moda alla musica, dal cinema alla fotografia, fino alla pubblicità.

Leggi anche il nostro articolo ‘Dolomiti Wellness Festival, 7 giorni di benessere tra le montagne più belle’

Fonte immagini: Unlike Events