favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

“Destinazione Santiago”: il progetto nato per consentire ad un gruppo di persone con emofilia di percorrere il celebre cammino

Condividi

Dal 2 al 7 settembre un gruppo di persone con emofilia aderirà al progetto “Destinazione Santiago”, iniziativa nata appunto da una richiesta indiretta di un gruppo di pazienti che hanno espresso il desiderio di unire l’impegno fisico con un momento di aggregazione e divertimento. Il percorso partirà da Sarria lungo il famoso cammino di Santiago, battuto ogni anno da oltre 200mila persone, con tappe giornaliere della durata di 20 km che vedranno anche la presenza di un ortopedico, un’ematologa e una fisioterapista. Un percorso caratterizzato da diversi gradi di difficoltà con l’aggravante data da temperature non proprio primaverili al quale però i partecipanti si sono preparati in autonomia e con impegno chiarisce Elena Balestrieri, fisioterapista del Centro emofilia dell’Ospedale Bufalini di Cesena. “L’attività fisica e lo sport, al contrario di com’erano considerati fino a non molti anni fa, devono invece essere parte integrante della vita degli emofilici poiché contribuiscono a mantenere una buona tonicità muscolare e a rinforzare le articolazioni, oltre a favorire l’inclusione sociale soprattutto dei bambini”, spiega Luigi Solimeno, Direttore UOC Traumatologia d’Urgenza-Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. “Grazie ai trattamenti sostitutivi farmacologici oggi disponibili, gli eventi emorragici caratteristici dell’emofilia possono essere tenuti sotto controllo, assicurando ai pazienti non solo un’aspettativa di vita sovrapponibile a quella di una persona normale, ma anche un miglioramento della qualità di vita, riducendo al minimo il dolore e la rigidità articolare. Le persone con questa malattia possono così essere libere di dedicarsi a tante attività fisiche come in questo caso il Cammino di Santiago” commenta Chiara Biasoli, responsabile del Centro Emofilia dell’Ospedale Bufalini di Cesena. Fondazione Paracelso è molto soddisfatta di questo progetto che rientra in una serie di iniziative volte a promuovere l’attività fisica e uno stile di vita sano, molto importanti per gli emofilici e non solo”, dice Andrea Buzzi, Presidente di Fondazione Paracelso dalla quale è partito il progetto “Destinazione Santiago” che vede anche il patrocinio delle Associazioni Amiche di Fondazione Telethon e il contributo incondizionato di Novo Nordisk nell’ambito del programma internazionale Changing HaemophiliaTM. La storia dei protagonisti potrà essere seguita sul sito e canali social facebook e instagram di Fondazione Paracelso e sul sito e canali social facebook, instagram e twitter di Fondazione Telethon.   Fonte: Ufficio Stampa HealthCom Consulting ©2019 Radio Wellness®