favorite
Categorie
Menu

Scarica l'app!

Seguici!

Immagine di topntp26 su Freepik

Dieta Dash: la dieta che combatte l’alta pressione arteriosa

Condividi

Dieta Dash: 3 principi contro l’ipertensione

La conosciuta dieta Dash è stata formulata e testata per la prima volta in uno studio eseguito negli Stati Uniti, e pubblicato nel 1997. Sulla base di osservazioni cliniche fatte, si è voluto verificare l’effetto di diverse combinazioni alimentari sulla pressione arteriosa. Questa dieta si basa sull’abbinamento ad hoc di cibi e sull’eliminazione di alcuni elementi dall’alimentazione.

Dieta Dash: 3 cose da evitare

Se entrate nel regime della dieta Dash, dovete innanzitutto bandire dalla vostra tavola l’alcol, il sale e i cibi ricchi di conservanti. Questi 3 elementi, infatti, contribuiscono ad alzare la pressione arteriosa, fattore negativo non solo per chi ne soffre in modo cronico, ma in generale per tutte le persone.

L’alcol aumenta la vasodilatazione favorendo, per contro, l’aumento della pressione del sangue, e l’uso del sale pota con sé la stessa conseguenza. I cibi ricchi di conservanti, anch’essi con un’alta concentrazione di sale, fanno decisamente male alla salute e, se non eliminati, vanno almeno consumati con molta moderazione e scarsa frequenza.

Pane di segale e olio di lino nella dieta Dash

Come si compone la dieta Dash

Per prima cosa, è fondamentale bere almeno 1,5 litri di acqua durante il giorno, consumata a piccoli sorsi, in modo da favorire il drenaggio e combattere la ritenzione idrica, spesso responsabile della cellulite.

La colazione dovrà, poi, essere frugale ma al tempo stesso sostanziosa: del pane di segale o di grano saraceno, con un po’ di marmellata, accompagnato da thè o latte magro. Potete anche concedervi uno spuntino a metà mattino, a base di frutta fresca e yogurt, sempre magro, da consumare lontano dai due pasti principali.

Per pranzo, invece, spazio alla pasta integrale o di farro, condita con sugo di pomodoro fresco e un pizzico di olio d’oliva, o di lino. Quest’ultimo è un toccasana per l’apparato digerente e per l’organismo: ricco in acidi grassi Omega 3 e 6, regolarizza il battito cardiaco e previene malattie cardio-vascolari.

Inoltre, tiene a bada il colesterolo, aiuta a smaltire i trigliceridi, e mantiene pulite le arterie riequilibrando la pressione sanguigna.

A cena è previsto pesce: alici marinate, pane di segale e finocchi crudi conditi con olio di lino saranno l’ultimo pasto della vostra giornata.

Riso con verdure contro ipertensione

Dieta Dash: menu vario e gustoso

La dieta Dash consente di avere un menu vario e saporito: nei giorni successivi potrete sostituire la pasta con il riso, i finocchi con altre verdure come zucchine o lattuga, la marmellata della colazione con il miele.

Gli alimenti che restano invariati sono l’olio di lino come condimento principale, il pane di segale come accompagnamento, e l’acqua, che servirà a mantenere una buona idratazione dell’organismo.

Prima di cimentarvi con questo regime alimentare rivolgetevi al vostro medico o ad un nutrizionista, in modo che possa verificare le vostre condizioni di salute e consigliarvi al meglio.

Con la dieta Dash è vietato fumare, ed è caldamente suggerita una buona e costante attività fisica, che vi aiuterà a mantenere il normopeso.

Leggi anche il nostro articolo ‘Stress e rabbia repressa? Ci pensano le piante a riportare la calma’

Fonte immagini: Freepik