Banner RWN
Ascolta Radio Wellness
Ascolta Radio Wellness

Giornata Mondiale della gentilezza, l’unico contagio da amare

La giornata mondiale della gentilezza che si celebra oggi ci dà la possibilità di riflettere su una delle caratteristiche umane più belle e meno considerate. Essere gentili è un modo di vivere che rifiuta violenza e maleducazione. E che porta a risultati inaspettati e sorprendenti. «La gentilezza è una modalità esistenziale che si allena. E bisogna cominciare con essere gentili con noi stessi, eliminando situazioni conflittuali. Gentilezza vuol dire appartenenza, avere la consapevolezza che la mia esistenza va a contagiare l’esistenza altrui».

Sono le parole di Anna Maria Palma Professional Counselor, Emotionally Intelligence Executive Coach, autrice di diversi libri sulla gentilezza tra cui La gentilezza che cambia le relazioni e La gentilezza che cambia le relazioni digitali, scritti rispettivamente con Lorenzo Canuti e Carlo Mazzucchelli.

Leggi anche: Lockdown, gli effetti sui bambini
giornata mondiale della gentilezza

La nostra ospite Anna Maria Palma

Giornata mondiale della gentilezza, le origini

Questa ricorrenza nasce in Giappone sul finire degli anni ’80 per volontà dello Japan Small Kindness Movement, un gruppo fondato nel 1963 a partire dagli ideali di Seiji Kaya, rettore dell’Università di Tokyo che in un discorso rivolto ai neolaureati li invitava ad essere coraggiosi abbastanza da creare tanti piccoli atti di gentilezza che avrebbero, un giorno, travolto l’intera società.

Forse la ricetta per essere gentili è proprio questa. Partire da noi. «Ridimensioniamo il mondo. Non parliamo di pace nel mondo, ma di pace a casa mia, nel mio ambiente di lavoro, nel mio condominio. Dobbiamo essere un piccolo seme di gentilezza, all’interno del nostro mondo. I punti luce esistono, occorre fare costellazione e non spaventarci del mondo. Noi siamo già un piccolo mondo che può toccare altri piccoli mondi e generare attorno a noi energia» ha spiegato Anna Maria Palma.

Be Kind

Allenarsi ad essere gentili non vuol dire sforzarsi, ma semplicemente fare pratica. E non solo quando si avvicina la giornata mondiale della gentilezza. Ma in concreto come si fa? «Noi abbiamo dei superpoteri che dobbiamo sviluppare. Il primo è il linguaggio, la parola. Usiamo parole giuste: eliminiamo le parole offensive che non rispettano gli altri. Il secondo è l’ascolto. Ascoltiamo gli altri con umiltà perché hanno qualcosa di importante da dire. Il terzo superpotere sono i pensieri, impariamo a pensare pensieri ben pensati. Il quarto potere sono le percezioni, prendiamo confidenza con le emozioni e governiamole. L’ultimo potere è l’azione: come agisco può fare la differenza. Ovunque».

«Quando ti viene data la possibilità di scegliere se avere ragione o essere gentile, scegli di essere gentile». Dr Wayne Dyer

Nella nostra cultura la gentilezza è associata alla debolezza. Come possiamo lavorare per invertire la tendenza? «Essere gentili non vuol dire essere blandi, prevaricati o sottomessi ma solo che si utilizza un altro modo per dire le cose. Con me non si usano scortesie perché sono molto attenta e segnalo anche un minimo maltrattamento. Se lo proteggiamo questo campo diventa inattaccabile» ha concluso Anna Maria Palma.

Giornata mondiale della gentilezza, un piccolo bonus

Anna Maria Palma sarà online oggi, dalle 18 alle 20, per un incontro speciale all’insegna della giornata mondiale della gentilezza in collaborazione con la Biblioteca San Giorgio di Pistoia e la Biblioteca Civica di Calenzano. Due ore gentili che potrete seguire collegandovi a questo link. Potete segnalare la vostra presenza all’indirizzo palma@annamariapalma.eu

I film citati nell’intervista
Wonder

Julia Roberts, Owen Wilson e il bravissimo Jacob Tremblay sono i protagonisti dell’adattamento cinematografico del romanzo di R.J. Palacio. Il piccolo Auggie ha 10 anni e una malformazione craniofacciale che lo ha reso vittima di bullismo. La sua tenacia e la grande dolcezza diventano per tutti fonte d’ispirazione. Da vedere.

High Five Wonder GIF - HighFive Wonder WonderTheMovie GIFs
La forza del campione

Anche questo è l’adattamento cinematografico del best seller autobiografico La via del guerriero di pace di Dan Millman. Dan è un ginnasta che sogna le olimpiadi ma che disperde il suo talento. Un incidente e l’incontro con il saggio Socrate (Nick Nolte) cambieranno per sempre la sua vita.

Ascolta l’intervista completa a Anna Maria Palma

Scopri il palinsesto di Radio Wellness e seguici su Facebook e Instagram

Francesca Fiorentino

©2020 Radio Wellness®

Condividi su:

LA TUA RADIO PERSONALIZZATA

Realizziamo palinsesti totalmente personalizzabili, da non confondere con la nostra webradio che trasmette contenuti…

Leggi tutto