Banner RWN
Ascolta RWN
Ascolta RWN

Mare 2020, le regole per spiagge in sicurezza e relax

Intervista ad Alessandro Berton, presidente di Unionmare Veneto:” Le nostre spiagge erano già sicure prima delle disposizioni anti-Covid – ha detto. In Veneto c’è sempre stato molto impegno in materia di sicurezza. Adesso attendiamo i turisti per salvare un comparto che impiega 40.000 addetti”.

Ascolta l’intervista:

 

Distanze e sanificazione. Sono queste le parole d’ordine che dovranno contrassegnare le vacanze 2020. Anche sulle spiagge. In Veneto i gestori degli  stabilimenti balneari hanno deciso di scommettere sull’arrivo dei turisti e per questo già dalla fine di maggio alcune strutture sono aperte mentre la maggior parte hanno iniziato l’attività nel weekend del 6/7 giugno.

E’ tanta la voglia di ripresa del comparto del turismo, forse quello maggiormente penalizzato dalla pandemia.

“Nessuno avrebbe scommesso che gli stabilimenti balneari sarebbero stati in grado di aprire” – ci ha detto Alessandro Berton, presidente di Unionmare Veneto, associazione che rappresenta la maggior parte delle spiagge e dei campeggi della costa veneta da Rosolina ad Eraclea, comparto che impiega circa 40.000 addetti.

Del resto, ci tiene a sottolineare Berton, in Veneto la stragrande maggioranza delle spiagge applicava già in qualche misura i protocolli di sicurezza imposti ora. 

“Le nostre spiagge – ha proseguito il presidente di Unionmare – sono molto ampie e quindi le regole sulle distanze sono facilmente applicabili. Gli spazi imposti tra ombrelloni sono molti vicini alla nostra consueta gestione.  Questo implica una minore capacità ricettiva ma siamo sicuri che lavorando bene i turisti ci ripagheranno con la loro presenza”.

Fonte sito UnionMare spiaggia veneta

Fonte sito UnionMare

Un’estate che si preannuncia meno peggio del previsto quella che sta iniziando, complici la voglia di sole e mare accumulata durate la quarantena e le regole anti-Covid a tutela della sicurezza di tutti.

I turisti locali, grandi frequentatori delle spiagge venete, stanno già confermando la loro presenza.

I gestori degli impianti ora aspettano tedeschi e austriaci, da sempre amanti delle località venete. “Con la Regione stiamo preparando un grande piano di comunicazione diretto soprattutto all’estero  – ha concluso Berton – per far capire bene come stiamo lavorando e che tipo di strutture troveranno i turisti arrivando da noi. Siamo sicuri che il mare e le spiagge venete sono sinonimo di sicurezza e qualità”.

Le regole dell’Istituto superiore di Sanità:
– I bagni al mare si possono fare senza rischi di contagio ma a distanza gli uni dagli altri.

– In spiaggia i bagnanti dovranno portare la mascherina quando il distanziamento è difficile da mantenere, per avere accesso agli stabilimenti sarà misurata la temperatura a ospiti e personale.

– Rassicurazioni e regole arrivano dall’Istituto superiore di Sanità (Iss).

– Nel primo piano pubblicato sul sito dell’Iss le misure contro il virus sono chiare.
In spiaggia restano vietati gli assembramenti, le feste e gli eventi musicali se non solo di ascolto. Gli accessi agli stabilimenti attrezzati prevedono la prenotazione, mentre per le spiagge libere, dove la sorveglianza risulta di difficile praticabilità, sono chiamati i sindaci e gli altri enti locali competenti ad applicare le forme di riduzione del rischio.

– Le raccomandazioni riguardano sia gli stabilimenti che i bagnanti.
A cominciare dalla prenotazione dell’accesso agli stabilimenti (anche online) per fasce orarie e registrazione degli utenti per rintracciare eventuali contatti in seguito a contagi. L’elenco delle presenze dovrà essere tenuto dalle strutture per almeno 14 giorni e nel rispetto della normativa sulla privacy. L’Iss sottolinea che spiagge, terreni, arenili o ambienti naturali non devono essere trattati in alcun caso con prodotti biocidi.

– Il distanziamento deve essere di almeno 1 metro tra persone che non appartengono allo stesso nucleo familiare, e in ogni circostanza anche durante la balneazione. Permane la responsabilità di vigilanza sul distanziamento dei bambini.

– La pulizia, con regolarità almeno giornaliera, riguarda tutte le superfici, gli arredi delle cabine e le aree comuni; va fatta in modo regolare e frequente la sanificazione delle attrezzature (sedie, sdraio, lettini, inclusi galleggianti e natanti), oggetti e servizi igienici, limitando l’utilizzo delle strutture come cabine-doccia singole e spogliatoi quando non sia possibile assicurare una disinfezione tra un ospite e l’altro.

– Ai bagnanti verranno forniti disinfettanti per l’igiene delle mani, mentre il personale dovrà essere dotato di dispositivi di sicurezza personale (mascherine, schermi facciali, guanti) e dovrà utilizzarli obbligatoriamente in caso di contatti ravvicinati con i bagnanti. Le mascherine dovranno essere smaltite con i rifiuti indifferenziati. 

– Cartelloni e locandine indicheranno le regole comportamentali.

Spiagge UnionMare

Spiagge UnionMare

Pagina facebook ufficiale
Sito ufficiale

Dorotea Rosso

©2020 – Radio Wellness®

Condividi su:
Taggato come

LA TUA RADIO PERSONALIZZATA

Realizziamo palinsesti totalmente personalizzabili, da non confondere con la nostra webradio che trasmette contenuti…

Leggi tutto