Banner RWN
Ascolta Radio Wellness
Ascolta Radio Wellness

Mostra del cinema di Venezia. Che edizione è stata? Il bilancio della 77esima edizione

Mostra del cinema di Venezia. A due giorni dalla proclamazione dei vincitori è tempo per il bilancio. Questa è stata l’edizione che nessuno si aspettava, quella della norme anti-Covid, quella senza divi e senza fans assiepati lungo il red carpet, parte integrante della Mostra, da sempre.

Ma ascoltiamo il bilancio di questa edizione della Mostra del cinema di Venezia nell’intervista con Alessandro Comin, inviato al Lido del Giornale di Vicenza

E’ stata l’edizione delle donne, tante attrici e registe ad animare un programma a tratti poco entusiasmante, l’edizione caratterizzata dall’impegno sociale che ha contraddistinto buona parte delle pellicole che si sono viste al Lido, in concorso e non.

Il bilancio sugli aspetti organizzativi

Sabato sera (12 settembre 2020) la stessa Anna Foglietta, madrina della kermesse, aveva esordito con un sospiro si sollievo al pensiero che tutto fosse andato bene. La pandemia che ancora sconvolge il mondo ha obbligato gli organizzatori a rigide norme di sicurezza e, essendo la Mostra il primo evento cinematografico di questa portata a livello mondiale, i timori che qualcosa andasse storto c’erano.

Ma il bilancio dal punto di vista organizzativo è senz’altro positivo, a riprova che l’Italia in questo frangente così complesso e delicato per tutto il mondo può fare scuola.

Anna Foglietta

Anna Foglietta madrina della Mostra 2020, foto di Giorgio Zucchiatti

Il bilancio sui premi assegnati

La pandemia ha fermato l’arrivo in Laguna dei grandi colossal statunitensi e della produzione francese. Questo ha determinato anche la direzione dei premi, assegnati a produzioni alternative e ad attori meno conosciuti.

Critiche sull’esclusione dalla rosa dei vincitori dei film italiani in concorso, a partire da “Notturno” di Gianfranco Rosi che i pronostici iniziali davano per possibile vincitore del Leone d’Oro ma che alla fine non ha portato casa neppure un riconoscimento.

scena da Notturno di G. Rosi

Notturno – credits La Biennale

“L’Italia deve imparare – ci ha detto Alessandro Comin – che non sempre a fronte di grandi investimenti economici corrisponde l’arrivo di premi”.

Il bilancio sui film

“In realtà – prosegue Comin – a mio avviso nessuno dei film italiani in concorso  meritava il Leone d’Oro. Arrivo a dire che neppure il bravo Pierfrancesco Favino, vincitore della Coppa Volpi come miglior attore maschile per “Padrenostro”, qui fosse alla sua interpretazione più convincente. Trovo giusta invece l’assegnazione del Leone d’Oro a “Nomadland” di Chloé Zhao che ha dato di nuovo prova di bravura, esaltata dall’eccellente interpretazione di Frances McDormand.

Bilancio positivo anche per il premio speciale ad Andrei Konchalovsky per Dear Comrades e aggiungo che invece ho dei dubbi sul Leone d’Argento a Nuevo Orden di Michel Franco, a mio avviso troppo truculento”.

Tutti i vincitori: il bilancio

Confermando tutti i pronostici delle ultime ore il Leone d’Oro al miglior film della 77esima edizione della Mostra del cinema di Venezia va a Nomadland di Chloé Zhao (USA). Gli altri premi: Leone d’Argento, miglior regia a Kiyoshi Kurosawa per Spy No Tsuma (Wife of a Spy) – Giappone; Leone d’Argento, Gran premio della giuria a Nuevo Orden (New Order) di Michel Franco (Messico, Francia).

Vanessa Kirby vince la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile in Pieces of a Woman di Kornél Mundruczó (Canada, Ungheria); la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile è andata al nostro Pierfrancesco Favino per Padrenostro di Claudio Noce (Italia).

Premio Speciale della giuria a Dorogie Tovarisch per Dear Comrades di Andrei Konchalovsky (Russia). Premio Orizzonti per la migliore sceneggiatura a Pietro Castellitto per il film I Predatori (Italia) da lui stesso diretto. Premio per la migliore sceneggiatura a Chaitanya Tamhane per il film The Disciple (India). Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore emergente a: Rouhollah Zamani nel film Khorshid (Sun Children) di Majid Majidi (Iran). Il Premio Orizzonti per il miglior film a: Dashte Khamoush (The Wasteland) di Ahmad Bahrami (Iran). Premio Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima a: Listen di Ana Rocha de Sousa (Regno Unito, Portogallo).

Leggi anche il nostro articolo sui premi assegnati alla 77esima edizione della Mostra del cinema di Venezia

Mostra di Venezia, i premi. Leone d’Oro a Nomadland. Coppa Volpi a Piefrancesco Favino

Link utili: la Biennale di Venezia

Redazione

©2020 Radio Wellness®

 

Condividi su:
Taggato come

Radio Wellness è una testata giornalistica che offre informazioni a carattere generale su salute e benessere.

LA TUA RADIO PERSONALIZZATA

Realizziamo palinsesti totalmente personalizzabili, da non confondere con la nostra webradio che trasmette contenuti…

Leggi tutto