Europa in Prato

Europa in Prato, l’enogastronomia internazionale a Padova

Dal 5 al 7 settembre torna il grande mercato internazionale in Prato della Valle. Un’occasione imperdibile per gustare specialità da tutta Europa

I waffels belgi, i churros della Spagna, i wurstel tedeschi o le spezie siciliane: ce ne sarà davvero per tutti i gusti nel prossimo week end, a Padova, quando Prato della Valle, la più grande piazza del Vecchio Continente, si trasformerà in un grande mercato europeo di specialità gastronomiche e prodotti artigianali. Un’occasione per assaggiare prodotti e tipicità sconosciute e sperimentare nuove arti culinarie.

Waffles dal Belgio

L’Europa in Prato, edizione 2021

Padova torna ad ospitare grandi eventi, rigorosamente nel pieno rispetto delle normative anti Covid, e domenica 5 settembre dà il via alla tanto attesa  manifestazione “Europa in Prato”, il grande mercato europeo con oggetti di artigianato, i prodotti tipici, i profumi e le specialità dal mondo.

«Siamo alla 17° edizione consecutiva – dice il presidente di FIVA Ascom Padova, Ilario Sattin –. Siamo davvero orgogliosi di riuscire a portare, ogni anno, in questa piazza straordinaria, tante buonissime e curiose novità.

Il mercato europeo è unico, originale e inconfondibile ed è per questo che è sempre più atteso dai padovani, cittadini e non solo». Anche quest’anno 120 bancarelle di ogni genere e provenienza riempiranno l’anello esterno della grande piazza, dal 5 al 7 settembre, dove si potrà pranzare e cenare in sicurezza e anche acquistare prodotti tipici ed unici.

Cosa si troverà ad Europa in Prato

Sarà possibile degustare i famosi waffles dal Belgio e poi dolci made in USA (muffin, pancake e cheescake), le minicrepes olandesi, pandolce dalla Repubblica Ceca, i churros spagnoli, la liquirizia pura calabrese e i classici wurstel tedeschi, gli arancini siciliani, la carne argentina alla griglia, la paella valenciana e catalana, le specialità gastronomiche dal Messico, le specialità alimentari tipiche toscane, umbre, piemontesi e pugliesi.

In Prato della Valle si potrà acquistare anche oggettistica di qualità, come tovagliati, ceramiche, bigiotteria, gadget irlandesi, gilet e maglie in cachemire dalla Francia, spezie, cosmetici naturali, stampe e quadri pop-art, articoli per la bicicletta, fiori secchi, piante e molto altro.

Tutti gli stand sono stati disposti in modo da garantire spazi ampi, per il corretto deflusso del pubblico, evitando quindi il pericolo di assembramenti.

A tal proposito, sarà obbligatorio il possesso di Green Pass per accedere all’area della manifestazione. In tutta la piazza, personale qualificato vigilerà per evitare assembramenti e verificare che venga rispettato il corretto uso della mascherina.

Nelle aree dedicate alla ristorazione, tutti i tavoli e gli spazi verranno igienizzati costantemente e verrà rispettata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra un tavolo e l’altro. Gli stand saranno attivi dalle 9 alle 24, e l’inaugurazione ufficiale della manifestazione è prevista per domenica alle 10, nella Loggia Amulea.

La Loggia Amulea in Prato della Valle

La cucina europea

L’Europa offre una varietà enogastronomica unica al mondo. L’iniziativa padovana vi darà la possibilità di assaggiare anche la cucina greca, basata soprattutto sulla carne, e influenzata dalla cucina veneziana e dai sapori mediorientali.

La cucina norvegese, invece, dà ampio spazio al salmone, ad altri tipi di pesce, e alla carne di renna, mentre il Portogallo è famoso per le centinaia di ricette con cui cucinare il merluzzo. La cucina francese, in Italia un po’ snobbata, ha una varietà regionale forse superiore a quella italiana e una storia enciclopedica alle spalle.

Da domenica a martedì potrete degustare anche la cucina svizzera, nota all’estero soprattutto per il formaggio e il cioccolato. Ma non finisce qui, perché con un’antica tradizione che risale all’epoca romana, la cucina rumena offre molti piatti interessanti, a base di carne e verdure, così come la cucina isolana di Malta ricorderà l’estate, con sapori mediterranei e orientali.

Leggi anche il nostro articolo su Padova Urbs Picta, patrimonio Unesco

E.F.

Fonte immagini: Pexels

©2021 Radio Wellness®

Condividi su: