Rosella Errante: vi racconto la vasocottura

Rosella Errante, scopri con me la vasocottura leggera

Oggi ti presentiamo Rosella Errante, una delle più seguite foodblogger italiane specializzate in vasocottura. E se non conosci ancora la vasocottura è il caso di iniziare a studiare e a informarsi perché è la tendenza del momento.

Si tratta di una tecnica di cottura che cuoce gli alimenti al microonde in una sorta di sottovuoto, mantenendo così intatte le loro proprietà nutrizionali. La cottura avviene in dei vasetti di vetro che possono essere anche usati per portare a tavola la pietanza.

Ma quali sono i segreti per una perfetta vasocottura e cosa ci serve per non sbagliare? Rosella Errante, foodblogger della squadra di Giallo Zafferano è autrice per Gribaudo del libro Vasocottura leggera: 70 ricette, dall’antipasto ai dessert, per imparare a padroneggiare un modo di cucinare sano e molto veloce. A prova di principianti.

Rosella Errante, vasocottura mon amour

Dal tegame al vasetto si chiama il blog su cui Rosella Errante da anni dispensa consigli di cucina. Uno spazio virtuale seguitissimo il cui filo rosso sono ricette sane, veloci e piene di gusto. Ma di cosa parliamo quando parliamo di vasocottura?

«Parliamo in questo caso di vasocottura al microonde, ovvero cuocere per pochi minuti un alimento in vasetto e poi lasciare riposare il vasetto per 20 minuti. In questo tempo il vasetto va in sottovuoto e questo ci permette di conservare il cibo per un minimo di una settimana fino a un massimo di un mese in frigo» ha spiegato Rosella Errante

La vasocottura è davvero più leggera?

Sì. E ce lo dice direttamente Rosella Errante: «Il cibo mantiene inalterate le sostanze nutritive perché non c’è dispersione nell’acqua e anche per la velocità di cottura. Si usano pochissimi grassi perché è la vasocottura stessa ad amplificare il gusto degli alimenti».

Com’è nato l’amore tra Rosella e la vasocottura?

«Nel 2014 scoprii lo chef Luca Montersino che cuoceva in vasocottura e utilizzava una campana da sottovuoto professionale che io da casalinga non avevo. Provai al microonde ma senza altri macchinari. Da lì iniziarono gli errori ma iniziò anche il mio cammino, testando ricette su ricette per rendere accessibile a tutti questa tecnica» ci ha raccontato Rosella Errante.

Rosella Errante: la copertina del suo libro

Qual è la ricetta più sorprendente del libro?

«La cosa più difficile era realizzare dolci perché non possiamo cuocere in vasetto i lievitati. Eppure sono riuscita a ottenere un tortino al cioccolato soffice come una torta ma con soli due ingredienti, uova e cioccolato fondente, che cuoce in due minuti e possiamo conservare per una settimana!», ha concluso Rosella Errante.

Le cose da non fare

  • Non aprire i vasetti appena sfornati. Aspetta sempre 20 minuti prima di svitarli.
  • Se il vasetto non si apre, non forzare: potresti scheggiare il vetro, rompere le guarnizioni e farti male.
  • Non inserire oggetti metallici nel microonde.
  • Segui la funzione indicata del microonde, non usarne altre.
  • I vasetti diventano come piccole pentole a pressione, perciò non tappare la zona delle guarnizioni, poiché il vapore passa attraverso di esse.
  • Occhio all’escursione termica. Usa la funzione scongelamento per portarli a temperatura ambiente quando li togli dal frigorifero ed evita, da bollenti, di appoggiarli su superfici fredde.

Ascolta l’intervista completa a Rosella Errante su Vasocottura facile

Leggi anche: Benessere in cucina

La vasocottura, le bioricette

Radio Wellness

Seguici su Facebook e Instagram

Francesca Fiorentino

©2021 RadioWellness®

Condividi su:
Scroll Up