spesa in tavola

Ambiente, 10 regole per modificare le nostre abitudini a tavola

La tutela dell’ambiente passa anche dal cambiamento delle nostre abitudini alimentari. Dalla scelta della lista della spesa all’utilizzo degli elettrodomestici, ecco 10 consigli per contrastare i cambiamenti climatici a tavola

Uno studio di Beyond Meat e del Center for Sustainable Systems dell’Università del Michigan sostiene che quello che viene definito un “Beyond Burger”, cioè un alimento vegetale che imita la carne,  genera il 90% in meno di emissioni di gas serra, richiede il 46% di energia in meno, ha un impatto del 99% inferiore sulle risorse idriche e usa il 93% in meno di terreno rispetto a un quantitativo equivalente di carne macinata. 

Ormai conosciamo da tempo gli impatti sull’ambiente degli allevamenti intensivi, ecco perché un numero sempre maggiore di persone decide di adottare un’alimentazione vegetariana o addirittura vegana. Di sicuro tutti abbiamo ormai la consapevolezza che in tema di tutela dell’ambiente molto dipende da noi e per questo ciascuno nel suo piccolo può contribuire a frenare lo spreco di risorse naturali. Anche a tavola.

Partendo proprio dal modo di nutrirsi. Secondo sueatablelife.eu la produzione di 1 kg di carne di manzo comporta l’emissione di 34,5 kg di CO2, che equivale a guidare un’auto per ben 291 km. L’impatto della frutta è invece di circa 0,44 kg di CO2 per kg, pari a percorrere in auto 3.7 km. Ciò significa che dovremmo mangiare più di 78 kg di frutta per avere lo stesso impatto ambientale di 1 kg di carne. O, in alternativa, 157 mele per eguagliare l’impatto di una costata di manzo.

Metti in tavola la salute

Grazie a 10 semplici regole possiamo impegnarci tutti a limitare gli sprechi e guadagnarne anche in salute.

Metti in tavola prodotti di stagione. Scegliere alimenti della stagione che viviamo comporta un ridotto consumo di carburanti per il trasporto, per esempio se i cibi arrivano dall’estero. Inoltre si limitano gli utilizzi di fertilizzanti e concimi chimici.

Scegli prodotti a Km zero, quindi legati alle tradizioni e stagionalità del luogo in cui si abita. In questo modo, oltre a risparmiare in termini risorse naturali e di emissioni inquinanti, si sostengono le economie locali, composte spesso da una rete di piccoli produttori che non rientrano nella catena della grande distribuzione.

Compra prodotti non confezionati, se puoi. Gli imballaggi di plastica o altri materiali vanno ad aumentare la quantità di rifiuti da smaltire. Inoltre, acquistare prodotti sfusi permette di regolarsi meglio sulla reale quantità che ci serve, senza dover per forza acquistare un’intera confezione.

Metti in tavola acqua del rubinetto – Acqua foto creata da rawpixel.com – it.freepik.com

Bevi acqua del rubinetto. Invece di spendere ogni anno del denaro per l’acquisto di acqua in bottiglie di plastica meglio investire in depuratori oppure usare bottiglie di vetro e riempirle alle fontane d acqua alla spina che si trovano ormai quasi tutti i nostri comuni.

Fai attenzione ai prodotti per l’igiene personale e ai detersivi, anche quelli per lavare i piatti o da usare per la lavastoviglie. Esistono in commercio tante soluzioni rispettose dell’ambiente e che si trovano nei supermercati “alla spina” in modo da poter riempire un contenitore più volte senza produrre rifiuti di plastica.

Fai attenzione alle date sulle confezioni. Too Good to Go spiega molto bene la differenza tra “data di scadenza” e “da consumarsi preferibilmente entro il”.  

Quando vai a fare la spesa portati le tue borse da casa e preferisci quelle riutilizzabili.

Fai una corretta raccolta differenziata.

Quando vai a fare la spesa non avere fretta. Spesso gli acquisti “in volata” sono quelli meno utili. Prenditi un po’ di tempo e acquista solo ciò di cui hai realmente bisogno e leggi le etichette per comprendere bene da dove arriva il prodotto e con quali materie prime è stato realizzato.

Leggi anche il nostro articolo su Too Good to Go, la app contro gli sprechi alimentari.

Redazione

Immagine copertina: Canva

2022 – Radio Wellness®

Condividi su: