Banner RWN
Ascolta RWN
Ascolta RWN

Bambini a casa

Come far trascorrere il tempo ai piccoli obbligati a restare in casa. Consigli per la famiglia.

Anche le semplici, e a volte noiose, attività domestiche possono diventare spunto per passare il tempo con i nostri figli, tutti obbligati ad una convivenza forzata per via della quarantena.

Nonostante viviamo giornate eccezionali è bene darsi delle semplici regole in modo da mantenere una parvenza di normalità.

Quindi no a full immersion di televisione, sì allo sport in casa, cioè gli stessi tutorial che seguiamo noi adulti possiamo metterli in pratica in compagnia dei nostri bambini, magari a suon di musica per darci la carica!

E poi curare insieme il giardino per chi ne possiede uno oppure realizzare piccoli angoli verdi sul balcone o in un angolo della casa (per procurarsi le piantine o i bulbi basta contattare il vivaio più vicino a noi. Ormai quasi tutti si sono organizzati per le consegne a domicilio).

E poi non dimentichiamo il tempo per parlare, per raccontare. E’ indubbio che i più piccoli vivono questo momento in maniera forte, interiorizzano, quindi è bene tirare fuori le loro emozioni e cercare di definirle per aiutarli a comprenderle.

Sono alcuni dei suggerimenti indicati dalla Società Italiana di Pediatria per affrontare meglio il periodo di distanziamento sociale.

Eccoli riassunti:

ROUTINE: Organizzare la giornata secondo uno schema preciso, dal risveglio fino all’ora di andare a dormire, nel rispetto di quelli che erano gli orari pre-coronavirus.
TV: Evitare di tenere sempre accesa la televisione, ma selezionare, ogni giorno, cosa vedere evitando un eccesso di informazioni sul coronavirus.
ATTIVITA’ ALL’APERTO: Se si dispone di spazi all’aperto, come terrazze, giardini e cortili, programmare un’ora al giorno di attività libera, nel rispetto del distanziamento sociale.
RESPONSABILITA’: Coinvolgere i bambini, in rapporto all’età, nelle attività domestiche.
HOBBY: Coltivare passioni, come musica, arte, giardinaggio o iniziare a collezionare qualcosa.
CUCINA: Approfittare del tempo insieme per insegnare a cucinare e a mangiare in modo sano (quali e quanti alimenti).
RIORDINARE: Farsi aiutare a sistemare la spesa, spiegando cosa si è acquistato, come e dove va riposto.
IGIENE: Coltivare l’igiene personale in autonomia, dal lavaggio di mani a quello dei denti, e l’igiene dell’ambiente.
SPORT: Insegnare a fare attività motoria in casa, almeno un’ora al giorno e, se possibile, a finestra aperta.
RACCONTO: Invitare ogni componente del nucleo familiare a racconta qualcosa a turno.

Insieme al decalogo, la Società Italiana di Pediatria propone anche lo schema della giornata ideale del bambino.

In primis, sveglia come se si dovesse andare a scuola, colazione e lavare denti. A seguire, attività domestiche e scolastiche, contatto telefonico o video con amici e parenti. Dopo pranzo, attività libera come televisione, computer, libri o giochi a carte e di nuovo attività “scolastiche”. Quindi merenda e, se possibile, attività all’aria aperta nel terrazzo o in cortile e attività ludiche o hobby.

Infine, cena e nanna, con una lettura o una favola, come se il giorno dopo si dovesse andare a scuola. Senza dimenticare di “lavarsi le mani prima e dopo i pasti” e di “aiutare ad apparecchiare e sparecchiare”.

(fonte: Ansa)

Redazione

©2020 Radio Wellness®

Condividi su:
Taggato come

LA TUA RADIO PERSONALIZZATA

Realizziamo palinsesti totalmente personalizzabili, da non confondere con la nostra webradio che trasmette contenuti…

Leggi tutto