Che sia per amore, o semplicemente per renderci vivi, dedichiamo una giornata intera al nostro cuore

Semplicemente un organo? No… Il cuore è qualcosa di più. Qualcosa che inspiegabilmente funziona e continua a funzionare anche quando tutto il resto si ferma per riposare, mentre tutto tace.

Quel cuore che ci accompagna ogni giorno, che batte veloce quando è felice, eccitato o arrabbiato, che batte lentamente quando si sente al sicuro, quando si rilassa; in alcuni casi capriccioso perchè batte come non dovrebbe, quel cuore, che quella volta ha inaspettatamente smesso di battere, ma poi ha ripreso senza indugi, quasi per miracolo.

Oggi 14 febbraio, si festeggia San Valentino, la festa degli innamorati, come anche la Giornata Mondiale delle Cardiopatie Congenite. Una giornata che abbraccia il cuore sotto diversi aspetti ed invita a fermarsi un attimo per riflettere, cercando di capire quanta fortuna abbiamo nel poter associare un semplice battito ad una vita intera.

Una giornata per fermarsi da tutto il solito correre, dalla solita routine, e accorgersi che se il nostro cuore sta combattendo per qualcosa, è meraviglioso, se cerca di condividersi con qualcuno, è meraviglioso, se soffre per qualcosa di brutto, è meraviglioso.

Questo giorno ci invita a prendersi cura del nostro cuore, a partire dai nostri sentimenti ed emozioni, fino ad arrivare al sostegno concreto della ricerca ed alle strutture che si dedicano ogni giorno alla cura e prevenzione di malattie che possono “far inciampare” questo prezioso compagno di vita.

Per un giorno fermiamoci a pensare e capiamo quanto sia importante sentire dentro di noi un battito che ogni ora, ogni secondo, ci rende vivi.

 

Redazione

©2019 Radio Wellness®

 

 

Condividi su:
Scroll Up