favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Il 18 dicembre di 9 anni fa usciva Avatar e la nuova frontiera del 3D

Condividi

Dopo il successo strepitoso di TitanicJames Cameron fa approdare nelle sale cinematografiche un altro colossal destinato anch’esso al successo: Avatar. L’opera di impronta fantascientifica, rappresenta il punto d’arrivo di oltre dieci anni di sperimentazioni sulle nuove tecnologie e sull’utilizzo della ripresa in 3D. L’intenzione di fare un film che uscisse dagli schemi, era maturata verso la metà degli anni Novanta ma la svolta si era avuta con la nuova frontiera della grafica computerizzata. La storia, ambientata in un futuro molto lontano (duecento anni), racconta l’umanità alle prese con una grave crisi energetica. La soluzione per questa crisi viene individuata in un minerale assai diffuso su Pandora (satellite alieno abitato dai Na’vi) e per recuperarlo viene organizzata una missione di cui fa parte Jake Sully (Sam Worthington), ex marine costretto sulla sedia a rotelle a seguito di un grave incidente. Per aggirare l’ostacolo dell’aria tossica che domina Pandora, la dottoressa Augustine (Sigourney Weaver, già protagonista nella serie Alien) escogita il “Programma Avatar”, attraverso il quale i piloti umani collegano le loro coscienze a un corpo organico (avatar) controllato a distanza, riproducendo fedelmente quello dei Na’vi. Ciò permetterà a Jake di conquistarsi la fiducia degli alieni, incontrando persino l’amore di Neytiri (impersonata da Zoë Saldaña), che metterà in crisi lo scopo della sua missione. La chiave dell’opera è certamente dedicata alla cultura ecologista e al rispetto della diversità, condannando l’utilizzo distorto della tecnologia, il ricorso alla forza militare e di per sè l’invasione straniera che manipola il ciclo naturale della terra per scopi di lucro. Le riprese, costate 237 milioni di dollari e girate a Los Angeles e in Nuova Zelanda, sono costituite da un 60% di elementi virtuali e dal restante 40% di scene dal vivo. Il tutto concepito per la visione in 3D, inaugurando così una profonda rivoluzione tecnologica nel modo di produrre e fruire il cinema del futuro. L’impatto sul pubblico sarà entusiasmante: si registra infatti, a poco più di un mese dall’uscita nelle sale cinematografiche, il record d’incassi nella storia del cinema, battendo il primato di Titanic e raggiungendo il primato di oltre 2 miliardi di dollari incassati a livello mondiale. Il successo sarà poi confermato l’anno dopo dai tre Premi Oscar, ricevuti per migliore fotografiamigliore scenografia e migliori effetti speciali. Lo stesso regista annuncerà l’intenzione di girare due sequel creando, dopo Alien, un’altra saga nel genere fantascientifico.
  Redazione ©2018 Radio Wellness®