favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

burnout

Lavoro, la priorità della Gen Z è il work-life balance: il 58% soffre di burnout

Condividi

“Più work-life balance, meno burnout”. È questo lo slogan che sta portando la Generazione Z a rivoluzionare il mondo del lavoro. E chi meglio dei Gen Z può guidare questo cambiamento? I dati parlano chiaro: il 58% dei lavoratori nati tra il 1997 e il 2021 sostiene di soffrire di burnout

Questa la fotografia scattata da CVapp, piattaforma online per creare curriculum vitae e lettere di presentazione professionali, attraverso l’infografica “Burnout? No, grazie: Il viaggio della Gen Z attraverso il work-life balance”.

Sono i social il mezzo per gridare al mondo frustrazioni e insoddisfazioni legate al proprio impiego. Su TikTok, infatti, sono diversi i trend che stanno spopolando grazie ai membri della Gen Z, tra cui:

  • Quiet Quitting (828 milioni di views), ossia lavorare lo stretto necessario sulla base di quanto previsto dal contratto, senza fare straordinari o prendersi responsabilità in più;
  • Quittok (50 milioni di views), che prevede la realizzazione e la condivisione di un video che immortali il momento esatto in cui si danno le dimissioni;
  • Rage Applying (6 milioni di views), cioè mandare innumerevoli candidature per qualsiasi posizione aperta presente su LinkedIn, a prescindere di cosa si tratti;
  • Bare Minimum Monday (2,5 milioni di views), che consiste nel fare il minimo indispensabile nel primo giorno della settimana testimoniando l’esperienza con un video da condividere.

La Generazione Z sta sovvertendo l’ordine delle priorità nel mondo del lavoro. Non è più una questione di stipendio. I principi alla base del lavoro ideale sono flessibilità, meritocrazia, autonomia, opportunità di crescita e, soprattutto, sano equilibrio tra vita professionale e sfera privata.

Viaggi tra le priorità della Gen Z

Nella battaglia portata avanti dai Gen Z, la rivendicazione del tempo libero diventa quindi fondamentale per potersi dedicare ai propri hobby, dai viaggi alla scoperta di nuovi posti e culture a interessi quali musica, serie tv, videogiochi e innovazioni tecnologiche. Potersi ritagliare un po’ di tempo da riservare alle proprie passioni non è però l’unica cosa che conta.

Ciò che contraddistingue la generazione Z da quelle precedenti è il loro attivismo su temi come sostenibilità, diversità e inclusione, che rivestono un’importanza tale da influenzare anche la sfera professionale. I Gen Z si aspettano che ci sia una forte attenzione su queste tematiche anche nel loro ambiente lavorativo. Vita e lavoro, dunque, si mischiano, alla ricerca di un equilibrio che possa ridurre al minimo il burnout.