favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Non tutti i grassi sono dannosi per la nostra salute. Scopriamo insieme l’Omega 3 e l’Omega 6, i cosiddetti “essenziali”

Condividi

Secondo le ultime linee guida dell’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità, la percentuale delle calorie ottenute dai grassi in una dieta sana, devono essere meno del 10% dei grassi saturi. (quelli contenuti ad esempio nella carne o nel latte) e meno dell’1% quelle dagli acidi grassi trans, i più dannosi per la salute. Quando parliamo di acidi grassi trans, parliamo di quelle sostanze contenute in particolar modo nelle merendine, dolci confezionati, margarina e fritti da fast food. Un consumo eccessivo di grassi saturi e trans, è stato identificato come una delle cause principali delle malattie cardiovascolari. Sempre secondo l’OMS infatti, i grassi saturi andrebbero dunque sostituiti con quelli polinsaturi, meglio conosciuti come Omega 3 o Omega 6. Quest’ulitmi, sono una tipologia di grassi che non vengono prodotti naturalmente dal nostro organismo, ma che devono essere assunti tramite l’alimentazione. Ecco che si definiscono quindi “essenziali“. Questi tipi di grassi li possiamo trovare in cibi piuttosto comuni come il pesce azzurro, il salmone, il merluzzo, la trota, vegetali a foglia e noci, oli vegetali (mais, girasole, soia, vinacciolo) e in mandorle, pistacchi, nocciole, arachidi.  È stato inoltre dichiarato che, alti livelli di Omega 3 (misurati nel sangue) possono ridurre di circa il 65% il rischio d’infarto e gli Omega 6, addirittura fino all’85%.   Redazione ©2020 Radio Wellness®