favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

Prosecco, Patrimonio dell’Umanità

Condividi

È del 7 luglio la notizia che ufficializza le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Il numero dei siti italiani iscritti nella Lista sale quindi a 55 con grandissimo orgoglio di tutta la Nazione.

Una conquista sofferta e attesa sin dal 2010, anno in cui è stata proposta la Candidatura e arrivata senza non poche polemiche, riguardanti principalmente l’utilizzo intensivo della monocoltura, (tipologia di coltivazione che sfrutta una sola varietà di piante per più anni sullo stesso terreno) e di fitofarmaci, pesticidi usati per la protezione delle colture delle piante.

A Radio Wellness abbiamo intervistato i titolari di una realtà sita a Mogliano Veneto, nella Marca Trevigiana, che propone un prodotto che abbiamo reputato interessante, specialmente per le modalità di produzione, nonostante sia DOC e non DOCG come il prosecco prodotto nelle zone di Conegliano e Valdobbiadene. “L’azienda nasce per proporre un prosecco diverso rispetto a quella che è la produzione generale, considerando l’idea di base di tornare ad una coltivazione che sia il più naturale possibile” commenta Gianni Gasparini, titolare dell’Azienda “Picchetto Verde“.

“Due ettari e mezzo di terra per noi sono un vantaggio perché riusciamo a seguire le nostre piante in maniera equilibrata. Per quanto riguarda la coltivazione delle piante, sottolineo che non abbiamo mai usato diserbo sotto vite, né prodotti chimici per la spollonatura – procedura che prevede l’eliminazione dei germogli che hanno origine sul legno vecchio e che quindi non porterebbero uva – e la cimatura la facciamo a mano”, interviene Stefania Rizzi, titolare dell’Azienda assieme al marito.

Ascolta l’intervista completa:   Redazione ©2019 Radio Wellness®