Scuole e Natale, il Governo lavora al prossimo Dpcm in vista del 3 dicembre, scadenza di quello attuale

La riapertura delle scuole e le modalità per affrontare le imminenti feste di Natale nel rispetto delle restrizioni anti Covid-19. Il Governo è al lavoro sul prossimo Dpcm in vista della scadenza di quello attuale prevista  per il 3 dicembre.

L’Italia si prepara al Natale 2020

Il Governo sta lavorando per riaprire le scuole superiori già prima delle vacanze di Natale. Lo ha ribadito il premier Giuseppe Conte, confermando così le dichiarazioni della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che nei giorni scorsi aveva anticipato che se la curva dei contagi scenderà si potranno allentare alcune restrizioni tra cui anche il divieto di lezioni in presenza per gli studenti degli istituti superiori.

Mancano 10 giorni alla scadenza del Dpcm attualmente in vigore e il Governo valuta le prossime mosse tenendo conto da un lato della situazione sanitaria del Paese e dall’altro delle esigenze degli operatori economici, sfiancati da mesi di chiusure tra quelle totali e le parziali.

Uno dei settori investiti in pieno dalle conseguenze della pandemia è quello del turismo. Le speranze erano state poste sulla stagione invernale per invertire il trend negativo ma anche la stagione sciistica sembra fortemente in bilico.

Il presidente del Consiglio è stato chiaro: “Non potremo concederci vacanze indiscriminate sulla neve”. Inoltre, l’Italia sta lavorando con Germania e Francia ad un protocollo comune europeo in modo da adottare le stesse restrizioni per evitare che paesi confinanti abbiano regole diverse.

luci natale
Attesa per il prossimo Dpcm, stretta sul Natale

Secondo le prime indiscrezioni pare che saranno possibili i soggiorni in montagna ma con il divieto di praticare lo sci. Per lo meno per ora.

“Consentire tutte le occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile”, ha ribadito Conte.

Intanto prosegue l’iter dei vaccini anti-Covid.

L’agenzia Ansa dà conto dei 3 attualmente giunti alla fase di sperimentazione sull’uomo e più vicini a ricevere l’autorizzazione alla somministrazione su vasta scala: si tratta di quello sviluppato dalla multinazionale AstraZeneca con lo Jenner Institute dell’Universita’ di Oxford e la Irbm di Pomezia, quello dell’azienda farmaceutica statunitense Moderna e quello della multinazionale Pzifer.

AstraZeneca ha annunciato che i dati sul vaccino saranno presentati alle competenti autorità  mondiali per l’approvazione. L’azienda ha reso noto che 200 mln di dosi saranno disponibili entro il 2020 e 3 mld di dosi nel 2021. La Commissione europea ha opzionato un totale di 400 mln di dosi.

vaccino
Sono 3 i vaccini anti-Covid in sperimentazione

Pfizer ha comunicato che a giorni è prevista la richiesta dell’autorizzazione per la produzione all’ente statunitense per il controllo dei farmaci Fda. La Commissione europea ha firmato un contratto per avere fino a 300 milioni di dosi. Saranno 3,4 milioni le dosi che complessivamente verranno somministrate ai primi 1,7 milioni di italiani da fine gennaio secondo quanto prevede il Piano per i vaccini anti-Covid del Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri.

Moderna: l’azienda prevede di disporre di circa 20 milioni di dosi entro la fine del 2020 da destinare agli Usa e pianifica una produzione totale di 500 milioni-1 miliardo di dosi nel 2021. La Commissione europea ha concordato con Moderna la fornitura di fino a 160 milioni di dosi.

Influenza di stagione

Il picco influenzale quest’anno è previsto per metà gennaio e coinvolgerà circa tre milioni di italiani. I dati arrivano a margine del congresso in corso della SIMG, Società Italiana Medicina Generale e delle Cure Primarie.

Secondo la SIMG il virus quest’anno inizierà a circolare un po’ in ritardo rispetto agli anni precedenti, quando a novembre si contavano già circa due milioni di casi. Le attuali misure preventive per contrastare la pandemia da Covid-19, infatti, potrebbero rivelarsi efficaci anche contro altri tipi di virus, inclusi quelli influenzali.

Leggi anche il nostro articolo sugli effetti del Covid sui polmoni

Coronavirus, una ricerca evidenzia i danni sui polmoni. I risultati utili all’impiego di farmaci mirati

Redazione

Fonte: Ansa

Fonte immagini: Pixabay

©2020 Radio Wellness®

Condividi su: