favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

giro d'italia a nuoto

Giro d’Italia a Nuoto 2021, per un mondo senza barriere e senza frontiere

Condividi

Circa 400 chilometri in 17 tappe. Sono questi i numeri del Giro d’Italia a Nuoto, l’impresa che Salvatore Cimmino si appresta a compiere tra maggio e ottobre prossimi.

Da Ventimiglia a Trieste per sensibilizzare la società sui diritti delle persone con disabilità. “La disabilità è un problema di tutta la società, non solo delle persone colpite e delle loro famiglie” ha detto Salvatore Cimino che a 15 anni ha perso una gamba a causa di un tumore.

Salvatore Cimmino, 57 anni, viva senza una gamba da quando aveva 15 anni per colpa di un osteosarcoma. Per sensibilizzare la società sui diritti dei disabili gira il mondo a nuoto. Nei giorni scorsi ha presentato a Montecitorio il progetto “Giro d’Italia a Nuoto”: un tour di 17 tappe per un totale di quasi 400 chilometri in acqua: “La disabilità è un problema di tutta la società, non solo delle famiglie che ne sono colpite”, ha spiegato Cimmino.

Giro d’Italia a Nuoto, le motivazioni di Salvatore Cimmino

“L’obiettivo è ambizioso, ovvero ricordare al Mondo che oggi la disabilità, grazie alla Convenzione delle Nazioni Unite
sui diritti delle persone con disabilità, non è più un fatto privato, a carico dei singoli, ma è finalmente diventato (o per lo
meno dovrebbe) una realtà di cui è necessario che la collettività tutta si faccia carico. Questa interpretazione sposta l’attenzione dalle condizioni della persona alle condizioni del mondo di cui fa parte, per rilevare e combattere la presenza di barriere che ne impediscono la partecipazione sociale.

Partendo dal fatto che la Convenzione in Italia e nel mondo non ha solo un mero valore culturale, bensì prima di tutto un valore giuridico, ne deriva che, nella misura in cui la disabilità è imputabile a barriere comportamentali e sociali, i Governi sono tenuti ad intervenire in misura maggiore rispetto al passato attraverso un sistema legislativo che preveda come fine l’indipendenza della persona con disabilità, fondamentale per un processo reale di integrazione”.

Giro d’Italia a Nuoto 2021

Libertà, partecipazione, uguaglianza e universalismo: è nel contesto di questi quattro principi che si svilupperà il ‘’Giro d’Italia a Nuoto 2021, per i diritti delle persone con disabilità” in seno al progetto “A nuoto nei mari del globo”. Abbattere le barriere architettoniche e sociali, promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e della ricerca scientifica, eliminare le disparità, riconoscere i diritti, garantire pari opportunità e condizioni di vita decorose: questi i temi che verranno affrontati da Ventimiglia a Trieste per costruire un’Italia sempre più inclusiva.

Le tappe del Giro d’Italia a Nuoto

Chi è Salvatore Cimmino

Salvatore Cimmino è nato a Torre Annunziata nel 1964 e oggi vive e lavora a Roma. A soli 15 anni Salvatore fu colpito da un osteosarcoma che obbligò i medici all’all’amputazione della gamba. All’età di 41 anni, dopo innumerevoli problemi fisiologici, sotto consiglio medico Salvatore comincia a nuotare, non era mai stato in acqua prima di allora! Dopo otto mesi, il 15 luglio del 2006 compie la sua prima traversata senza l’ausilio di protesi performanti, Capri/Sorrento di 22 km. Subito dopo inizia il suo “sciopero nuotando” per attirare attenzione sui problemi del mondo della disabilità.

Nel 2007 organizza il “GIRO d’ITALIA A NUOTO”, durante il quale diventa atleta del Circolo Canottieri Aniene e sarà sostenuto dalla Fondazione Roma, dieci tappe ognuna di 15-17 km circa, da Genova a Trieste per ricordare alla gente il problema delle barriere architettoniche. Nel 2008 prende parte in solitaria della “Capri – Torre Annunziata” e successivamente alla “Capri – Napoli”, prova del campionato mondiale di gran fondo. Nel 2009 è nuovamente testimonial per “IL GIRO d’EUROPA A NUOTO”, 6 tappe fino a 40 km tra cui lo Stretto di Messina, lo Stretto di Gibilterra, Capri – Napoli, lo stretto di Oresund, Capo Salvore – Trieste, ed il Canale della Manica, dove detiene il record italiano di tutti i tempi. Nel 2010 comincia il tour “A NUOTO NEI MARI DEL GLOBO – Per un mondo senza barriere e senza frontiere”, una nuova sfida per conquistare i mari dell’intero pianeta.

Leggi anche il nostro articolo sulle iniziative del Disability Pride Network

Redazione

Fonte: Salvatore Cimmino

©2021  Radio Wellness®