Persone foto creata da halayalex - it.freepik.com

Seta floreale, le 2 stampe dell’estate al femminile

Torna la seta floreale, durante il giorno o per le serate mondane

Ampi a ruota, o sinuosi come le sirene, gli abiti in seta floreale sono il must-have dell’estate 2022: impossibile non averne almeno uno in armadio, e stavolta ci rivolgiamo solo alle donne. Ai maschietti non resterà che ammirare la bellezza di queste meraviglie. Corti al ginocchio, per il giorno, o lunghi fino ai piedi, per la sera: stupirete con un fascino un po’ etnico ed estremamente raffinato.

Sta geometrica o floreale, per ogni età

Seta floreale, non ha età

Giovanissime o adulte, fino ad arrivare alle donne della terza età: la seta floreale si può adattare ad ogni donna, con le dovute accortezze. Per le giovani, gli abiti possono essere davvero molto corti, e coloratissimi; per le donne più mature è preferibile una lunghezza al ginocchio, o ai piedi, da portare con infradito per gli eventi meno formali, o con un tacco 12 in occasioni più prestigiose.

Per le donne over 60 si consiglia lunghezza media e colori sobri, come i colori pastello, con poche combinazioni: nei toni del rosa e del cipria, accompagnati dal giallo, o nei toni dell’azzurro e del grigio, con qualche venatura blu.

La seta, una stoffa antica e pregiata

La storia della seta non ha inizio in una data precisa, ma è certo che le origini della sericoltura, ovvero la produzione della seta, risalgono a millenni avanti Cristo. Recenti studi dell’University of Science and Technology of China su residui di proteine della seta prelevate nelle tombe del sito archeologico di Jiahu, nella provincia dell’Henan, fanno risalire la lavorazione della seta a 8.500 anni fa.

Ma, da sempre, la tradizione cinese attribuisce la nascita della bachicoltura a una fortuita scoperta dell’imperatrice Xi Ling Shi. La leggenda narra che nel 3.000 a.C., mentre l’imperatrice sorseggiava del tè caldo all’ombra di un gelso, il bozzolo di un baco da seta cadde nella tazza e lei, grazie al calore della bevanda, riuscì a ricavarne un filo lunghissimo. 

Storia, scienza e leggenda fanno comunque risalire la seta ad epoche antiche e molto lontane. Nell’antica Cina, la seta era prerogativa di imperatori ed imperatrici, che indossavano vesti preziose di colore giallo. Vestivano abiti di seta anche le persone di corte e i sacerdoti, ma nel tempo l’utilizzo della seta si diffuse in tutte le classi sociali più ricche. La seta era un bene di lusso e gli imperatori ne custodivano gelosamente i segreti della cultura e della lavorazione.

Nel look maschile si preferisce il monotono alla seta floreale

La seta nella moda del nuovo secolo

Anche gli uomini possono approfittare del pregiato tessuto: specie al giorno d’oggi, gli stilisti si esprimono alla grande utilizzando la seta per abiti da uomo informali, e anche per occasioni importanti, come cerimonie e serate di gala. Blu, tinta tabacco, tortora o nero, sono i colori predominanti per questi abiti d’eccezione, capaci di fare davvero la differenza con un tocco di stile senza pari. Chiaramente, alla seta floreale si preferisce il monocolore.

Leggi anche il nostro articolo ‘Sangallo, 3 ragioni per metterlo in valigia’

Redazione

Fonte immagini: Freepik

©2022 – Radio Wellness®

Condividi su: