favorite
Categorie
Podcast & Programmi
logo event the castle
Immagine donna che si sfiora il viso con logo Colpropur
logo shine on
Logo wellness notes
Logo body tales
logo fiera Sana
Logo dell'evento radio wellness ad Expodental
copertina podcast cosmofarma 2023
Microfono logo del programma L'Intervista by Radio Wellness
microfono con logo radio salute
foto di Monya sul palco mentre fa attività fisica
Logo Fango Terapia.
logo good morning wellness
logo www - world wellness weekend
logo trasmissione in viaggio con... radio wellness
logo trasmissione intimità e benessere by radio wellness
Logo trasmissione Benessere in Cucina, con un menù e vari cibi lateralmente
logo rock shots
Logo di Giuliana Life Coach
logo yamm festival
Logo punto salute
Locandina Rimini Wellness 2021
Logo wellness time
Wellness Time
Wellness Cafè Week End
Menu
Radio

Scarica l'app!

Seguici!

bimbo

20 novembre 2020, Giornata Mondiale dell’Infanzia. Il report di Save the Children “Con gli occhi delle bambine”

Condividi

La Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza viene celebrata il 20 novembre di ogni anno. L’obiettivo è quello di promuovere la solidarietà internazionale, la consapevolezza sulle condizioni dei bambini di tutto il mondo e il miglioramento del loro benessere. La Giornata è stata istituita dall’ONU nel 1954 e viene celebrata il 20 novembre di ogni anno. Proprio quel giorno del ’54 infatti l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo. Altra data significativa è sempre il 20 novembre del 1989 quando l’Assemblea Generale approvò la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.
save the children
Logo di Save the Children
Save the Children per l’infanzia
In occasione della Giornata dedicata all’Infanzia Save the Children Italia ha pubblicato l’XI edizione dell’Atlante dell’infanzia a rischio nel nostro Paese che quest’anno contiene “Con gli occhi delle bambine”, una forte e dettagliata denuncia sulla necessità di intervenire alla radice delle diseguaglianze che colpiscono le ragazze. Urgente intervenire con risorse adeguate nelle “zone rosse” della povertà educativa aggravata dalla pandemia. Ascolta l’intervista a Michele Prosperi, portavoce di Save The Children Italia
Infanzia a rischio
In Italia, entro la fine dell’anno, 1 milione e 140 mila ragazze rischiano di ritrovarsi tagliate fuori dallo studio, dal lavoro e da percorsi formativi. E’ un quadro molto preoccupante quello tratteggiato dalla ong che da 100 anni si occupa della tutela dell’infanzia in tutto il mondo. E il Covid accelera le diseguaglianze di genere. Ecco la necessità di un report dettagliato sulla situazione nel nostro Paese: anche prima della crisi 1 minore su 9 viveva in povertà assoluta; asili nido solo per il 13,2% dei bambini; dispersione scolastica al 13,5%. Un limbo in cui è già intrappolata 1 ragazza su 4, con punte che sfiorano il 40% in Sicilia e in Calabria, e che vede percentuali più alte per le ragazze anche nei territori considerati più virtuosi, come il Trentino Alto Adige. Divari di genere rispecchiati anche dalla situazione dell’occupazione, con un tasso di mancata occupazione femminile (entro i 34 anni) che raggiunge il 33% contro il 27,2% dei giovani maschi, un dato comunque grave.
ragazze
Combattere le diseguaglianze di genere
Universo femminile da valorizzare e tutelare
Neppure conseguire una laurea, per una ragazza, equivale a proteggersi dalla crisi: tra le neolaureate che hanno il titolo di primo livello nei primi sei mesi del 2019, solo il 62,4% ha trovato lavoro, con un calo di 10 punti percentuali rispetto al 2019, mentre per i laureati maschi, pur penalizzati, il calo è di 8 punti (dal 77,2% al 69,1%), con retribuzioni comunque superiori del 19% rispetto alle neolaureate.
La condizione dell’infanzia in Italia
Quest’anno l’Atlante apre una finestra sulla condizione dell’infanzia nel nostro Paese, restituendoci una fotografia fatta di povertà minorile e disuguaglianze educative, da nord a sud e propone un approfondimento sulla condizione di bambine e ragazze in Italia, evidenziando per loro un futuro post pandemia a rischio. Già prima della pandemia, nel nostro Paese, 1 milione 137 mila minori (l’11,4% del totale) si trovavano in condizioni di povertà assoluta, al di sotto cioè dei livelli minimi di sussistenza. “È fondamentale – ha ribadito Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children – andare alla radice di queste diseguaglianze, prevedendo investimenti specifici dedicati a liberare talenti e potenzialità dell’universo femminile. Se per uscire dalla crisi il nostro Paese intende davvero scommettere sulle capacità delle donne, questa scommessa dovrà partire dalle bambine, a partire da quelle che vivono nei contesti più svantaggiati”. Leggi anche il nostro articolo in collaborazione con Save the Children Italia in occasione della Giornata mondiale dedicata alle capacità dei giovani
Il 15 luglio si celebra la Giornata Mondiale dedicata alle capacità dei giovani: iniziative per l’inclusività sociale e gli stanziamenti per l’istruzione
Dorotea Rosso Fonte: ufficio stampa Save the Children Fonte immagini: Pexels ©2020 Radio Wellness®